In Vino Veritas (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“L’Unione Europea vuole cancellare i fondi per la promozione di carne, salumi e vino, prevedendo su questi prodotti etichette allarmistiche”. Lo ha denunciato il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, in una lettera inviata al commissario europeo per gli Affari Economici, Paolo Gentiloni, in riferimento al nuovo “Piano d’azione per migliorare la salute dei cittadini europei”.

Secondo l’importante associazione degli agricoltori, è una proposta che nasce con la scusa di tutelare la salute, che va invece salvaguardata promuovendo una dieta equilibrata e varia, senza criminalizzare singoli alimenti. Una scelta che potrebbe rivelarsi assai pericolosa per il Made in Italy e per le tante piccole tipicità tradizionali del belpaese che, viceversa, avrebbero bisogno di essere maggiormente incoraggiate e sostenute.

L’Ue si appresta ad un robusto piano di etichettatura dei prodotti, anche tipici italiani, che potrebbero essere in parte giudicati cancerogeni o comunque potenzialmente pericolosi per la salute. Una situazione che preoccupa non poco e sta facendo discutere molto e ad ogni livello.

La partenza effettiva del progetto è prevista nel 2022-2023, quando verranno stanziati fondi da 4 miliardi di euro per gli Stati membri per uniformarsi. Potrebbero comparire scritte che allertano il consumatore su potenziali rischi cancerogeni, in modalità simile a quella che è già possibile visionare sui pacchetti di sigarette e chi non rispetterà la direttiva europea vedrà meno le risorse destinate al piano di prevenzione.

Nel mirino dell’Ue ci sarebbero numerosi salumi italiani, mentre il vino verrebbe risparmiato dall’etichettatura. A fornire rassicurazioni in tal senso al comparto interessato è Margaritis Schinas, vicepresidente della Commissione: “L’Ue non ha intenzione di proibire il vino, né di etichettarlo come una sostanza tossica, perché fa parte dello stile di vita europeo”.

Tuttavia, la commissaria alla Salute, Stella Kyriakides, ha aggiunto che Bruxelles presenterà una proposta di etichettatura obbligatoria per l’elenco degli ingredienti e dichiarazione nutrizionale sull’etichetta delle bevande alcoliche nel 2022 e una sulle avvertenze sulla salute nel 2023.

Iniziative che saranno costruite sulle esperienze già compiute dai produttori per dare ai consumatori più strumenti onde scegliere con maggiore consapevolezza.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.