Da domenica Campania, Emilia Romagna e Molise arancioni: è ufficiale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di Regia, firmerà nelle prossime ore un’ordinanza che entrerà in vigore a partire da domenica 21 febbraio. Passeranno in zona arancione le regioni Campania, Emilia Romagna e Molise. Contrariamente a quanto inizialmente ipotizzato non ci saranno zone rosse. Lo scrive FanPage.it

Quali regioni sono in zona gialla
Restano, dunque, in zona gialla Lombardia, Lazio, Sardegna, Sicilia, Puglia, Basilicata, Veneto, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia. Qui restano aperti bar e ristoranti fino alle 18, negozi, ad eccezione dei centri commerciali nel weekend, e i musei, ma solo durante la settimana; sono consentiti gli spostamenti all’interno della propria Regione e resta in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino.

Quali sono le regioni in zona arancione

Sono in fascia arancione da domenica Campania, Emilia Romagna e Molise, che si vanno ad aggiungere a Toscana, Abruzzo, Liguria, Provincia autonoma di Trento, Umbria e Marche. Qui mentre bar e ristoranti rimangono chiusi al pubblico, come in zona rossa, e possono lavorare solo con i servizi di asporto e consegna a domicilio, sono aperti i negozi. In vigore il coprifuoco notturno dalle 22 alle 5 e il divieto di spostarsi dal comune di residenza se non per comprovate esigenze, per lavoro o salute.

Le mini zona rossa
Nessuna regione è in zona rossa. Restano chiuse la Provincia autonoma di Bolzano, quelle di Perugia e una parte di quella di Terni, a causa della diffusione della variante inglese di Sars-CoV-2. Si ricordi, infatti, che sono ormai numerose le mini zone rosse istituite a livello locale per fermare l’avanzata del virus. Tra queste, i quattro comuni della Lombardia, Castrezzato, in provincia di Brescia, di Viggiù, nel Varesotto, di Mede, in provincia di Pavia, e di Bollate, alle porte di Milano e le province di Pescara e Chieti.

Resta lo stop agli spostamenti tra regioni
Ancora vietato spostarsi tra regioni, anche gialle, dopo la proroga allo stop agli spostamenti tra le Regioni fino al 25 febbraio, secondo quanto previsto dalla bozza. A meno che non si abbia una seconda casa in un altro territorio, ma bisogna esserne i proprietari, non valgono le case di parenti.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Papino il grande bluff fumo con la manovella fumo la pipa fumo di tutto e di più sto fumato…come sempre pronto a spararne altre…poi faccio finta che mi arrabbio con quella lota di me stesso ….ma sono sempre io, da più colore lo scontro …adesso gli dico che è un figlio delle chiancarelle ovvero …

  2. Ho l’impressione che su sto sito godete quando ci chiudono. Si vede che siete stipendiati da de luca, come la Rai lo é dalla sinistra. Non censurate, grazie, se non lo vedo vuol dire che la situazione é peggio, che non c’è più libertà di pensiero.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.