Droga e cellulari a Salerno: sono 22 le sim ritrovate in carcere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Il personale del Nucleo Investigativo Centrale della polizia penitenziaria (N.I.C.), unitamente al personale delle squadre mobili di Firenze, Napoli, Cosenza e Roma, con l’ausilio dei reparti prevenzione crimine unità cinofile, il supporto aereo della polizia di Stato del personale della sezione già organizzata della squadra mobile di Salerno, hanno eseguito nelle province di Salerno, Napoli, Firenze e Cosenza un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal  G.i.p su richiesta della D.D.A. di Salerno.
L’ordinanza è stata emessa nei confronti di 47 persone a vario titolo. I fatti risalenti all’attività di indagine del 2019 della squadra mobile di Salerno, con la direzione della Procura della Repubblica, hanno posto in evidenza la presenza di illeciti introdotti all’interno del carcere di Salerno; apparecchiature di cellulari oltre che stupefacenti. All’emergere dell’allarmante quadro di una diffusa attività criminosa posta in essere dagli stessi detenuti all’interno del carcere, si sono avviate le indagini dove sarebbe emerso che il principale indagato, vertice di questa organizzazione, sarebbe il detenuto Cuomo Michele che, all’interno dello stesso Istituto di reclusione, avrebbe portato avanti il commercio di stupefacenti.

Indagini anche sulla presunta esistenza di un’altra associazione capeggiata da tale Albergatore Luigi. Il modus operandi del traffico di stupefacenti era articolato con vere e proprie piazze di spaccio all’interno della struttura carceraria di Salerno, con addetti alla detenzione, addetti alle celle e addirittura delle sentinelle. Altresì è stata accertata una ricca rete di telefonini e fiancheggiatori utilizzati per impartire direttive agli affiliati dei clan. Oltre 1kg di sostanze stupefacenti, tra le quali   cocaina, hashish ecc, sono stati sequestri  in diverse dozzine di dosi, nonché più di 30 telefoni cellulari e circa 22 Sim card attive.

All’esecuzione delle ordinanze, coordinati dal Nucleo Investigativo Centrale, hanno partecipato anche i dipendenti Nuclei Regionali di Roma, Bari, Napoli e Firenze. Un importante risultato portato ormai da un Nucleo sempre più preparato e sempre più all’avanguardia, quello della polizia penitenziaria che sta dando grandi soddisfazioni alla nazione per un futuro sempre più proiettato a una spietata lotta al crimine.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.