Lavoro e riforma ammortizzatori sociali, il ministro Orlando presenta il suo dossier

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il titolare del dicastero del Lavoro ha aperto il confronto con le parti sociali presentando il documento con le proposte sugli interventi da realizzare. “Occorre porre le basi per realizzare un sistema di protezione sociale universale”, ha spiegato Orlando, da accompagnare “a un potenziamento delle politiche attive”. Sul tavolo anche la semplificazione dei pagamenti della Cig e procedure più snelle.

Il ministro Orlando ha spiegato che “alcune norme potrebbero essere anticipate negli strumenti e nei veicoli normativi che si offriranno gia nelle prossime settimane senza attendere la conclusione della discussione” sulla riforma nel suo complesso

Orlando ha annunciato anche che oltre ad “affrontare e risolvere le criticità emerse in questi mesi”, “occorre” anche “porre le basi per realizzare un sistema di protezione sociale universale”

L’istituzione di un sistema di protezione sociale universale, emerge dal dossier, dovrebbe essere accompagnato da un “potenziamento delle politiche attive“, e dalla “attivazione di significative azioni di politica industriale verticale e selettive basate su investimenti di risorse pubbliche

Per il ministero, “una protezione sociale di matrice universale non può prescindere dal potenziamento e dall’adeguamento delle competenze professionali delle lavoratrici e dei lavoratori”

E perciò “da questo punto di vista, il potenziamento e la razionalizzazione del sistema delle politiche attive diviene un passaggio fondamentale”

Tra gli obiettivi principali della riforma ci sarà quello di velocizzare i tempi di pagamento della cig

Si punta anche a snellire le procedure attraverso una gestione centralizzata e unica delle domande

“La frammentazione delle procedure – si legge infatti nel documento presentato da Orlando – rischia di fatto di comportare la costituzione di differenti discipline e sistemi (autorizzativi e gestionali), con rilevanti conseguenze in termini di dilazione di tempi e incertezze applicative

Per il ministero è necessario quindi “adottare una regia centralizzata e unitaria delle gestioni e delle procedure di autorizzazione delle istanze”

Un primo passo in tal senso, viene ricordato, “è stato compiuto dal ministero del Lavoro con l’istituzione di uno sportello unico a cui hanno potuto rivolgersi le imprese cosiddette plurilocalizzate in modo da semplificare e unificare le diverse domande cassa integrazione guadagni”

Il documento illustrato da Orlando propone anche di “prevedere nel prossimo decreto ristori (che si chiamerà decreto Sostegno, ndr) ulteriori automazioni dei processi di trasmissione dei dati di pagamento della cassa integrazione con l’obiettivo di ridurre ulteriormente i tempi di pagamento della cassa integrazione guadagni”

In particolare, spiega il ministero, “l’ipotesi normativa allo studio permetterà di sostituire il modello SR41 con una diretta integrazione dei dati per la Cig nel flusso Uniemens, il che consentirà una più immediata lavorazione dei dati per i pagamenti”

Verrà, inoltre, istituita una live chat per i lavoratori che vogliano avere informazioni dirette sullo stato della propria Cig

Infine, sul portale dell’Inps sarà introdotta una evoluzione dell’applicativo Cip che permetterà ai lavoratori di consultare in totale trasparenza lo stato di progressione della domanda a essi relativa

Per la Cigo con causale Covid-19, spiega inoltre il documento, “in considerazione dell’esigenza di una maggiore semplificazione, l’attuale procedura verrà ulteriormente implementata in modo da consentire la gestione interamente centralizzata delle domande e la massima automazione dell’istruttoria”, in modo da “ridurre il rischio di errori” e “ottimizzare i tempi”

Per il ministero sarà inoltre importante “monitorare l’andamento dell’anticipo del pagamento del trattamento del 40%, istituito per accelerare i pagamenti della Cig con causale Covid-19, ai fini di valutare l’adozione a regime di tale meccanismo di anticipazione di quota parte del trattamento di integrazione salariale”

Un altro intervento normativo allo studio è quello che introduce la possibilità di anticipare il pagamento da parte del datore di lavoro di imprese plurilocalizzate. In particolare, i datori di lavoro delle imprese plurilocalizzate sarebbero autorizzati ad anticipare ai lavoratori i trattamenti di cassa integrazione con garanzia di recuperare le somme anticipate mediante conguaglio con Inps

Possibile anche un intervento sulla Naspi, l’indennità di disoccupazione. I sindacati chiedono di eliminare o ridurre il decalage (la progressiva diminuzione dell’importo che ora è prevista dal quarto mese) e di aumentare la durata del sussidio per coloro che non hanno molti contributi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Cassa integrazione a vita x nullafacenti di merda e reddito di cittadinanza a drogati spacciatori e mafiosi bene

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.