Garante detenuti: “Accelerare campagna vaccini”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Ad oggi 4 marzo la situazione campana dei contagi nel pianeta carcere conta 22 contagiati di cui 8 a Poggioreale, 7 a Secondigliano, 6 a Carinola e 1 ad Avellino.

Sono invece 53 i contagiati tra gli agenti di polizia penitenziaria di cui 6 in terapia intensiva.

Negli ultimi mesi nella nostra Regione i contagiati sono stati 1644: 862 agenti, 724 detenuti, 58 operatori penitenziari. Tra di loro, ci sono stati 10 morti: 5 agenti, 4 detenuti e 1 medico”.

Questo il bilancio fornito da Samuele Ciambriello, garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale della Campania “Durante la riunione tecnica di oggi dell’Osservatorio Regionale per la Sanità Penitenziaria, a cui hanno partecipato come di consueto i dirigenti e i responsabili sanitari penitenziari, il Provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria, il sottoscritto in qualità il Garante campano dei detenuti e i rappresentanti del Dipartimento di giustizia minorile della Campania – sottolinea – è stato stilato un documento tecnico e operativo condiviso per l’avvio della campagna vaccinale che riguarderà agenti, personale penitenziario e detenuti che ne facciano richiesta. Tale documento, dal titolo “Indicazioni per la programmazione della vaccinazione anti – covid – 19 in ambito penitenziario” impegnerà gli organi regionali ad adottare tutte le misure necessarie e gli opportuni provvedimenti di competenza”.

Secondo Ciambriello “arrivano purtroppo pochi vaccini nella nostra regione, con un conseguente arretrato anche per gli ultraottantenni e le categorie successive alla fase 1 del piano nazionale delle vaccinazioni. Credo che anche nella nostra Regione, per la metà di marzo, realisticamente, per i setting a rischio quali istituti penitenziari e luoghi di comunità partirà la campagna vaccinale.

La particolare condizione a cui sono sottoposte le persone ristrette richiede una valutazione equa della vulnerabilità a cui sono esposte. Non solo l’accesso prioritario al vaccino da parte del personale penitenziario e ai ristretti, ma anche il vaccino contro l’indifferenza verso quelle misure alternative alla detenzione che alleggerirebbero notevolmente il pianeta carcere da ulteriori vittime di tale pandemia”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.