Decreto Sostegno, governo al lavoro sul testo definitivo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il governo è al lavoro per arrivare al testo definitivo del decreto Sostegno, il primo di carattere economico del governo Draghi. Secondo quanto si apprende, verrà rifinanziato per 1 miliardo di euro il Reddito di cittadinanza e verrà prorogato il Reddito di emergenza. Ecco le misure previste al momento nella bozza

La questione sarebbe stata oggetto di un incontro avvenuto nei giorni scorsi tra il ministro del Lavoro Andrea Orlando e il titolare dell’Economia Daniele Franco

Per quanto riguarda i ristori alle attività economiche danneggiate dalla pandemia, inoltre, fonti del Mise fanno trapelare che “il decreto sostegno prevederà interventi calibrati sui danni economici effettivamente subiti, prendendo a riferimento un’intera annualità e non singole mensilità”

Altre interpretazioni“, aggiungono le stesse fonti, “come quella dei due mesi 2020 per il calcolo dei danni, sono fuorvianti e prive di fondamento

Il governo al momento è arrivato a una bozza preliminare del decreto Sostegno, composta da 26 articoli in 50 pagine con misure che vanno dai vaccini ai congedi parentali, fino, appunto, al reddito di cittadinanza

Nella bozza vengono stanziati 2,1 miliardi per i vaccini e per l’acquisto di farmaci per la cura del Covid-19

Nello specifico 1,4 miliardi andrebbero ai vaccini 700 milioni per l’acquisto di farmaci, Remdesivir e monoclonali (rispettivamente 300 e 400 milioni di euro)

Sarebbe previsto inoltre un investimento di 345 milioni di euro da stanziare per coinvolgere i medici di famiglia nella campagna vaccinale

Ulteriori 51,6 milioni servirebbero invece a prorogare fino al 31 marzo i Covid hospital

Per rispondere alle esigenze emerse dalle nuove chiusure ci sarebbero nuovi interventi per i congedi parentali e per il potenziamento degli asili nido

Agli enti locali verrebbe destinato un miliardo per l’esercizio delle funzioni degli enti oltre a 600 milioni per le autonomie speciali

Sarebbe previsto poi un finanziamento alle Regioni di 800 milioni per il trasporto pubblico

Ai Comuni, invece, sarebbero destinati 250 milioni per il “ristoro parziale” delle mancate entrate della tassa di soggiorno e del contributo di sbarco

Ai lavoratori autonomi sarebbero destinati nuovi contributi a fondo perduto – da un minimo di mille a un massimo di 150 mila euro – per tutti i titolari di partita Iva con ricavi non superiori a 5 milioni di euro perdite di almeno il 33%

Per i contributi dovrebbero essere applicate tre percentuali20% per le imprese con ricavi o compensi nel periodo di imposta 2019 non superiori a 400.000 euro, 15% per quelle con ricavi fino a 1 milione e 10% fino a 5 milioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.