Nuovo Dpcm, le regole per i congiunti in zona arancione e rossa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sono salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o da situazioni di necessità ed è consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Per quanto riguarda il ricongiungimento, il decreto non specifica divieti o concessioni e fanno testo le regole già in vigore

Al di là del colore della fascia in cui è inserita ciascuna regione, sull’intero territorio nazionale è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita fino al 27 marzo

Sono salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute ed è comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione

Non ci sono direttive specifiche per quanto riguarda il ricongiungimento familiare e ciò che possono o non possono fare i congiunti che non vivono insieme

Il sito del Governo alla sezione Faq (le domande e risposte che chiariscono ogni dubbio sul Dpcm) è ancora in fase di aggiornamento: è probabile che la questione dei congiunti venga specificata successivamente

Stando al decreto in scadenza al 5 marzo, la riunione dei congiunti che vivevano in regioni diverse è possibile solo se il luogo scelto per il ricongiungimento coinciderà con quello in cui si ha la residenza, il domicilio o l’abitazione

Nello specifico, il coniuge/partner può spostarsi per raggiungere il primo soltanto se ha la residenza o il domicilio nel Comune di destinazione o se in quel Comune c’è l’abitazione solitamente utilizzata dalla coppia

Inoltre, le persone che per motivi di lavoro vivono in un luogo diverso da quello del proprio coniuge o partner, ma che si ritrovano con lui/lei con regolare frequenza e periodicità nella stessa abitazione, possono spostarsi per raggiungere tale abitazione

Per quanto riguarda invece le semplici visite a parenti e amici, in zona rossa queste – con il decreto in vigore dal 6 marzo – non sono più consentite 

In zona gialla, invece, purché si rimanga all’interno della propria regione, è permessa la visita in una sola abitazione privata, una volta al giorno, fra le 5 del mattino e le 22. Possono spostarsi due persone più i figli minori di 14 anni. In zona arancione, invece, la visita è consentita purché all’interno dello stesso comune

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.