Riqualificazione energetica. Ma conviene a tutti? E le zanzariere?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Con la riqualificazione energetica la convenienza della detrazione dall’IRPEF o dall’IRES è per tutti. La detrazione dalle imposte spetta quando si eseguono interventi su unità immobiliari e su edifici, o parte di essi, di qualunque categoria catastale e anche se rurali, compresi quelli strumentali per l’attività d’impresa o professionale.

Sì, conviene a tutti i contribuenti, residenti e non residenti, che possiedono l’immobile oggetto dell’intervento, a qualsiasi titolo e, quindi, anche gli inquilini e coloro che hanno l’immobile in comodato. Le opere finalizzate alla riqualificazione energetica, sono un investimento nel tempo. Garantiscono una riduzione dei consumi e un migliore stile di vita.

Condizione, per fruire della detrazione dalle imposte, è la realizzazione d’interventi che aumentano il livello di efficienza energetica. Spetta per:

¨ la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;

¨ il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni – pavimenti – finestre, comprensive di infissi);

¨ l’installazione di pannelli solari;

¨ la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Rientrano nei lavori, e godono quindi della detrazione anche:

¨ l’acquisto e la posa in opera di finestre, comprensive di infissi e schermature solari;

¨ l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;

¨ l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda o climatizzazione delle unità abitative;

¨ l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti;

¨ l’acquisto di generatori d’aria calda a condensazione; la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A.

La detrazione dalle imposte è del 50% per le caldaie a condensazione e, se dotate di sistemi di termoregolazione evoluti, la detrazione arriva al 65%.

Stessa percentuale del 65% si ha per l’acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori, che producono contemporaneamente calore ed energia elettrica, solitamente utilizzati per spazi più grandi (aziende, ville ecc.).

Per i condomini, che riescono a conseguire determinati indici di prestazione energetica, la detrazione può arrivare al 75%, da calcolare su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 40.000 euro, moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio.

Il beneficio fiscale lo si utilizza in dieci rate annuali da detrarre dall’imposta lorda (IRPEF o IRES) ma è possibile la cessione del credito e lo sconto in fattura (sono già molte le imprese che accordano lo sconto in fattura del 50%).

Nella pagina del sito ENEA (aggiornata al 26.01.2021) è possibile leggere la tabella che sintetizza gli interventi incentivabili con gli Ecobonus e le rispettive aliquote di detrazione.

Una puntualizzazione.

Rientrano nel beneficio fiscale anche le schermature solari e le zanzariere.

In sintesi, le schermature devono essere:

– applicate in modo solidale con l’involucro edilizio e non liberamente montabili/smontabili dall’utente e a protezione di una superficie vetrata;

Per le “schermature solari” (ad esempio tende da sole, veneziane, tende a rullo, tende a bracci) sono ammessi gli orientamenti da EST a OVEST passando per SUD e sono pertanto esclusi NORD, NORD-EST e NORD-OVEST.

Per le “chiusure oscuranti” (ad esempio persiane, avvolgibili, tapparelle) sono ammessi tutti gli orientamenti.

Per i sistemi di schermatura le spese ammissibili, per le quali spetta la detrazione fiscale, comprendono:

– fornitura e la posa in opera di schermature solari e/o chiusure oscuranti tecniche;

– eventuale smontaggio e dismissione di analoghi sistemi preesistenti;

– fornitura e messa in opera di meccanismi automatici di regolazione e controllo delle schermature;

– prestazioni professionali (documentazione tecnica necessaria, direzione dei lavori ecc.);

– opere provvisionali e accessorie.

Rientrano anche le zanzariere e grate di sicurezza.

La circolare n.15/E del 2018, a pag. 11, nel mentre chiarisce il trattamento dell’IVA agevolata al 10%, conferma che la detrazione spetta anche per le zanzariere. Si legge, infatti: “Le medesime considerazioni sopra esposte con riferimento alle tapparelle valgono anche ai fini del trattamento fiscale degli interventi di manutenzione aventi ad oggetto l’installazione di zanzariere e di inferriate o grate di sicurezza”.

Luca De Franciscis

dottore commercialista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.