L’Ue lancia il pass Covid, viaggi consentiti con vaccino o test

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
I cittadini europei potranno tornare a viaggiare quest’estate fornendo la prova di essersi sottoposti alla vaccinazione, oppure di essere risultati negativi a un test o di essere guariti dal Covid-19 ed avere sviluppato gli anticorpi. Sono i contenuti chiave del nuovo pass Covid presentato oggi dalla Commissione Ue per rilanciare i viaggi in Europa. “Col certificato vaccinale puntiamo ad aiutare gli Stati membri a ritornare” a mobilità in sicurezza e coordinata, ha spiegato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen

Il certificato, che dovrebbe essere disponibile da giugno in formato digitale o cartaceo, sarà interoperabile legalmente vincolante per gli Stati membri e ammetterà tutti i vaccini disponibili sul mercato, ha spiegato il commissario europeo per la Giustizia, Didier Reynders

Il nuovo pass Covid Ue “non è un passaporto vaccinale, ma un certificato verde per evitare divisioni e blocchi” tra i Paesi Ue, “facilitare gli spostamenti dei cittadini europei” e far ripartire il turismo in vista dell’estate, ha spiegato ancora il commissario Reynders

“Il pass è interoperabile e vincolante per i Paesi Ue”, sottolinea Reynders, precisando che, “per evitare ogni forma di discriminazione” offre “tre alternative” per tornare a viaggiare: “dimostrare l’avvenuta vaccinazione, la negatività a un test o la guarigione al Covid”

Von der Leyen si è soffermata poi sulla situazione vaccini e sul caso AstraZenecaMi fido di AstraZeneca”, ha detto. “Domani l’Agenzia europea del farmaco (Ema) farà un’altra dichiarazione e sono convinta che permetterà di chiarire la situazione”L’azienda distribuirà 30 milioni di dosi di vaccino entro fine marzo“, ha spiegato von der Leyen. “Se lo farà, avremo distribuito in Ue 100 milioni entro fine marzo”

Ma von der Leyen ha spiegato che “AstraZeneca ha annunciato che purtroppo nel secondo trimestre consegnerà all’Unione europea 70 milioni di dosi rispetto ai 180 milioni che aveva contrattualmente promesso di fornire”

“Se la situazione non cambia”, conclude von der Leyen, “dovremo riflettere di far dipendere l’export sul livello di apertura dei Paesi” riceventi. E “rifletteremo se con i Paesi che hanno tassi più alti di vaccinazioni c’è proporzionalità”
Su questo tema von der Leyen ha attaccato la Gran Bretagna: “Dall’Ue abbiamo esportato dieci milioni di dosi” alla Gran Bretagna, “è il primo Paese per l’export dall’Ue”, senza contare che il Regno Unito produce il vaccino AstraZeneca. “Stiamo ancora aspettando che arrivino dosi dal Regno Unito in modo che ci sia reciprocità”
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Ti costringeranno a fartelo….altrimenti fai casa e giro del palazzo….neanche Sasy ti vorrà incontrare se non fai il vaccino, non fare il no Vax testicolare.

  2. Ne scem’, sono anni che per andare in alcuni paesi devi presentare il certificato vaccinale.
    Ma che ne sai tu, che al massimo ti sei spostato correndo tra il centro e Mercatello.

  3. continua a correre nel tuo orticello, visto che è il massimo orizzonte a cui puoi aspirare. Lascia alle persone intelligenti la gioia di vivere.

  4. Ora sarebbe bello sapere i babbeoti museruolati sottomessi e lobotomizzati cosa ne pensano al riguardo, proprio loro (i babbeoti) che danno del fascista a tutti coloro che si permettono di esprimere perplessità

  5. In Francia il 70% dei destinatari del vaccino ha rifiutato di farselo inettare, percentuale altissima tra medici ed operatori sanitari, che evidentemente conosco bene il vaccino e l’azienda che lo produce. Addio turisti francesi? In nome del sacro euro vedrete che ritireranno tutto

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.