Dl Sostegni, 32 miliardi di aiuti. Dalle partite Iva al Reddito. Le misure

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Cdm ha approvato il testo. “Una risposta parziale, ma il massimo che potevamo fare”, dice Draghi. Ci sono misure per lavoratori e imprese, con 11 miliardi diretti a quest’ultime. Previsti alcuni ambiti specifici d’intervento, ad esempio: 5 miliardi su salute e sicurezza, 8 per il lavoro e il contrasto alla povertà, 300 milioni alla scuola. Cancellazione delle vecchie cartelle esattoriali fino a 5mila euro tra il 2000 e il 2010 solo per chi rientra in tetto di reddito di 30mila euro. Ecco cosa contiene il decreto

LE MISURE PER LE IMPRESE – I potenziali destinatari della misura dovrebbero essere tre milioni di persone. Nel complesso l’indennizzo medio che andrà ai circa tre milioni di soggetti coinvolti sarà di “circa 3.700 euro”, ha spiegato il ministro FrancoI bonifici saranno erogati sempre dall’Agenzia delle Entrate ma per accedere al fondo perduto bisognerà presentare una autocertificazione attraverso una apposita piattaforma messa a punto con Sogei. Per le domande ci saranno 60 giorni. Gli aiuti coinvolgerebbero anche start up e le imprese nate nel 2019 e nel 2020

I CONTRIBUTI – I contributi a fondo tributo del nuovo decreto Sostegni arriveranno alle imprese e ai titolari di partita Iva con fatturato fino a 10 milioni e con perdite del 30% nell’ammontare medio mensile del 2020 rispetto all’anno precedente. Le imprese potranno scegliere tra bonifico e credito d’imposta: gli aiuti saranno di minimo 1000 euro per le persone fisiche (2000 per le persone giuridiche) e massimo 150mila euro. Sono previste 5 fasce di ricavi con percentuali dei ‘sostegni’ differenziata che dal 60% per le più piccole al 20% per le più grandi

ENTI LOCALI – Sono stanziati oltre 3 miliardi per gli enti locali: metà nel fondo per gli enti locali, 260 milioni in quello per Regioni e Province autonome, 800 milioni per il Trasporto pubblico locale, 250 milioni come ristoro per il mancato incasso della tassa di soggiorno, e un altro miliardo per rimborsare alle Regioni le spese sanitarie del 2020 per il Covid

L’INVESTIMENTO PER LA CULTURA – Destinati 300 milioni per la sicurezza nelle scuole e per la Dad, 400 milioni per la cultura, per sostenere anche cinema e spettacoli dal vivo, e altrettanti per rimpinguare il fondo sociale per interventi su specifiche imprese. Nel dettaglio, i 400 milioni sono così distribuiti: 200 milioni per spettacolo, cinema e audiovisivo, 120 milioni per spettacoli e mostre e 80 per il settore del libro e la filiera dell’editoria

SCUOLA – Ci sono 150 milioni per il recupero delle competenze e della socialità durante l’estate, e altri 150 milioni per aspetti più sanitari. Il personale scolastico e amministrativo assente per vaccino è “giustificato”.

TURISMO – Sostegni complessivi per 1,7 miliardi di euro 

IL FONDO PER LA MONTAGNA – Degli 11 miliardi destinati alle attività produttive, un fondo ad hoc da 700 milioni è destinato alla montagna compresi i maestri di sci

MATRIMONI ED EVENTI – Per le filiere più colpite dalla crisi (anche commercianti e ristoratori dei centri storici) c’è un fondo da 200 milioni. I fondi saranno distribuiti dalle Regioni

IL SOSTEGNO DELLE FILIERE – Previsti anche 200 milioni in più per il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura. 100 milioni andranno a coprire la cancellazione di fiere e congressi e altri 150 per le fiere internazionali

CASSA INTEGRAZIONE COVID – La Cassa integrazione Covid è prorogata fino a fine 2021 e lo stanziamento è pari a 3, 3 miliardi di euro

CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA – Le aziende che hanno la cassa integrazione ordinaria potranno chiedere 13 settimane tra il primo aprile e il 30 giugno 2021 con causale Covid senza contributo addizionale. Saranno invece concesse al massimo 28 settimane tra il primo aprile e il 31 dicembre 2021 per quei lavoratori che non sono tutelati da ammortizzatori ordinari ma hanno l’assegno di solidarietà o la cassa in deroga. Anche in questo caso non è chiesto un contributo addizionale

STOP AI LICENZIAMENTI – Sempre riguardo ai lavoratori in difficoltà, proroga dello stop ai licenziamenti fino a giugno 2021 (e fino a ottobre per le aziende che usano la cassa integrazione Covid)

LE PARTITE IVA – Lavoratori autonomi e imprese riceveranno aiuti dai 1.000 euro per le persone fisiche ai 3.000 euro per le partite Iva, fino a un massimo di 150mila euro per le attività (anche artigiane) con 5 fasce percentuali in base al reddito

I BONUS PER LAVORATORI STAGIONALI E DELLO SPETTACOLO – Una tantum da 2.400 euro per lavoratori stagionali, del turismo, termali e dello spettacolo che hanno perso il posto, e per quelli dello sport varia da 1.200 a 3.600 euro

REDDITO DI CITTADINANZA – È rifinanziato per 1 miliardo. Tre nuove mensilità del reddito di emergenza alle famiglie (1,52 miliardi). Fino al 31 dicembre non serve aver lavorato 30 giorni nell’ultimo anno per ottenere la Naspi

STRALCIO – Sono cancellate le vecchie cartelle esattoriali fino a 5mila euro tra il 2000 e il 2010 per chi rientra in un tetto di reddito di 30mila euro. Rate e nuove cartelle esattoriali sospese fino al 30 aprile e una sanatoria ad hoc per le partite Iva in difficoltà

LOTTA AL COVID – Il plafond messo in campo con il dl Sostegni per la lotta al Covid-19 prevede oltre 4,5 miliardi tra finanziamenti per l’acquisto dei vaccini e dei medicinali, avvio della produzione, campagna vaccinale e fondi per la gestione commissariale

I FONDI PER VACCINI E MEDICINALI – Stanziati 2,1 miliardi per le fiale dei vaccini 700 milioni per i medicinali contro il Covid, altri 200 milioni servirebbero ad avviare la produzione in Italia, 350 milioni invece destinati alla campagna vaccinale e in particolare alla remunerazione delle farmacie coinvolte. Infine, un miliardo alla gestione commissariale e altri 400 milioni stanziati solo per le questioni logistiche

Per “accelerare” la campagna vaccinale in Italia e “assicurare un servizio rapido e capillare”, non si applicano agli infermieri del Servizio sanitario nazionale, coinvolti “al di fuori dell’orario di servizio”, le incompatibilità previste dalle norme sull’esclusività del rapporto di lavoro, spiega il dl Sostegni, e precisa che la deroga si applica “esclusivamente per lo svolgimento dell’attività vaccinale”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.