Cani in catena: buone leggi in Umbria e Campania, male altre regioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Sembra impossibile, ma legare un cane ad una catena, magari per tutta la durata della sua vita, oggi è ancora legale in gran parte d’Italia. Lo rivela il Rapporto “Verso il divieto di tenere i cani legati alla catena” realizzato da Green Impact, startup non lucrativa che promuove pratiche trasformative ecologiche ed economiche, in collaborazione con Save the Dogs and Other Animals, associazione italiana impegnata nella lotta al randagismo e nella tutela degli animali.

Il Rapporto, il primo di questo genere, passa in rassegna le normative regionali Italiane e quelle di numerosi Stati dell’Unione Europea ed extra-UE, individuando carenze legislative e modelli positivi. Un documento realizzato grazie ai preziosi contributi di esperti nel campo del diritto, dell’etologia e della veterinaria quali il Prof. Enrico Alleva, (etologo italiano), il Prof. Ádám Miklósi (etologo ungherese), la Prof.ssa Regina Binder (Università di Medicina Veterinaria, Austria), il Dott. Alexandre Barchiesi (Consiglio Svedese dell’Agricoltura, Dipartimento per la Salute e il Benessere degli Animali) e la Dott.ssa Heather Rally (medico veterinario USA).

“Per la prima volta viene analizzata dal punto di vista etologico, veterinario e legale una pratica di cui non si parla mai abbastanza – spiega la Presidente di Green Impact Gaia Angelini – e che è ancora largamente diffusa, in Italia e nel mondo, per mancanza di informazione ma anche di normative chiare ed efficaci”.

Da quanto emerge nel Rapporto in Italia ci sono regioni che sulla carta appaiono “virtuose”, come l’Umbria e la Campania, e che vietano chiaramente la detenzione
dei cani a catena, ma quando si approfondisce si scopre, ad esempio, che la Regione Campania non ha previsto sanzioni, rendendo la norma sostanzialmente non attuabile.

Fanno abbastanza bene anche Abruzzo, Emilia-Romagna (che è stata la prima regione italiana nel 2013 ad aver vietato l’utilizzo della catena per i cani), Lombardia, Veneto e Puglia mentre fanalino di coda sono Liguria, Basilicata e Sicilia, regioni che non hanno regolamentato la materia, lasciando un vero e proprio vuoto normativo.

“Risulta evidente la necessità e l’urgenza di rivedere nella maggior parte delle
regioni italiane le leggi che regolamentano la detenzione a catena – commenta la
Presidente di Save the Dogs, Sara Turetta – perché risultano poco chiare, incapaci
di tutelare davvero gli animali o piene di deroghe che lasciano spazio a troppe
scappatoie.

Ci auguriamo che il divieto di detenzione a catena diventi parte integrante di una legge nazionale sul maltrattamento e che, in caso contrario, Governatori prendano provvedimenti affinché la normativa sia coerente con la rinnovata sensibilità degli italiani su questi temi”, conclude Sara Turetta. Le ricerche effettuate dimostrano che è doveroso vietare la detenzione dei cani a catena perché si tratta di una condizione incompatibile con il loro benessere.

Benché, infatti, le normative spesso distinguano tra un cane detenuto a catena e un cane a catena in condizione di maltrattamento, gli scienziati e i ricercatori che hanno contribuito al Rapporto concordano che la vita di un cane costretto alla catena è, in sé e per sé, una forma di maltrattamento, con conseguenze oggettive sullo stato psicologico, emotivo e fisico dell’animale.

“Confidiamo che i risultati emersi da questo report possano offrire alle autorità politiche gli strumenti necessari per adottare provvedimenti incisivi – continua Gaia Angelini – guardando ai migliori esempi di leggi esistenti supportati dalle più avanzate conoscenze in fatto di etologia, veterinaria ed etica degli animali. Dopo la pubblicazione di questo rapporto non ci sono più scuse: è venuto momento di agire per chi amministra i nostri territori”.

Lo sguardo del rapporto si allarga poi all’Europa, dove spiccano i modelli positivi di Austria e Svezia, e addirittura al mondo, con l’esempio della California. Oltre a offrire spunti importanti ai legislatori, il rapporto si propone come uno strumento a disposizione delle amministrazioni, delle forze dell’ordine, delle associazioni di protezione degli animali e dei cittadini per comprendere le normative, affinché la detenzione del cane a catena diventi presto una reliquia del passato.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Alcuni sono pericolosi è riescono a scappare giusto tenerli legati, poi assalgono altri cani e qualche volta pure i bimbi

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.