Nuovo Dpcm: arriva il giallo rafforzato con bar e ristoranti aperti fino alle 16

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
La prossima settimana, tra lunedì e martedì, il governo deciderà le nuove misure anti Covid, per aggiornare l’attuale dpcm, in scadenza il prossimo 6 aprile. Sarà sicuramente mantenuto l’attuale impianto a fasce colorate, le zone bianche, gialle, arancioni e rosse, anche se fino a Pasqua e Pasquetta, per via dell’ultimo decreto, tutta Italia sarà arancione o rossa. In pratica i bar e i ristoranti saranno chiusi al pubblico sia a pranzo sia a cena, e sarà consentito solo l’asporto e il servizio a domicilio. Nel nuovo dpcm, che il governo sta scrivendo in queste ora ci sarà sicuramente la conferma del coprifuoco dalle 22 alle 5.

Oggi è in programma la cabina di regia convocata dal premier Draghi per scrivere le nuove normi per il contrasto dell’emergenza sanitaria. Il governo dovrà sciogliere in particolare tre nodi: riapertura delle scuole in zona rossa, ritorno delle Regioni gialle e l’eventuale via libera allo spostamento tra Regioni, per il momento vietato se non per motivi di necessità, lavoro o salute.

Nel nuovo decreto spunta il giallo rafforzato una fascia da concedere alle regioni dove la curva epidemiologica mostrerà una discesa dopo Pasqua. Una zona che preveda l’apertura dei locali a pranzo, sia pur con un orario ridotto, si immagina fino all 16, mantenendo però i divieti della fascia arancione nel fine settimana e il lockdown per quello del primo maggio.

Giallo rafforzato, di cosa si tratta
Per il decreto che sarà in vigore dal 7 aprile i rigoristi chiedono ancora un mese di divieti eliminando la fascia gialla. Ma difficilmente la loro istanza potrà essere accolta. Ecco perché per mediare, il Governo immagina in quelle aree dove i numeri dei contagi sono più bassi di far riaprire bar e ristoranti a pranzo, ma solo fino alle 15 o alle 16, in modo da evitare l’orario dell’aperitivo. Resterebbero in ogni caso i divieti della fascia arancione nel fine settimana e il lockdown per quello del primo maggio.

Parrucchieri e fine settimana
Nel nuovo decreto, potrebbe essere invece consentita la riapertura di barbieri e parrucchieri anche in zona rossa proprio come accadeva prima dell’ultimo decreto. In questo modo si impedirebbe l’appuntamento a domicilio che avviene con regole certamente meno stringenti di quelle imposte nei locali aperti al pubblico.

Nessun allentamento invece per il finesettimana. Proprio per impedire gli assembramenti potrebbe essere ripristinato per un altro mese il meccanismo già utilizzato durante le vacanze natalizie che riportava tutta Italia in arancione e rosso nei weekend. Restrizioni che diventerebbero lockdown per sabato primo maggio e domenica 2.

Da lunedì i colori che cambiano
In base al monitoraggio dei dati sull’incidenza tra venerdì scorso e oggi, si vede chiaramente un’Italia molto rossa. La Lombardia rimane nella fascia di massimo rischio e il Piemonte che pur avendo un Rt a 1.17 non può scendere di livello perché supera la soglia dei 250 contagi settimanali su 100mila abitanti.

In Valle d’Aosta la presenza di nuove varianti e l’innalzamento dell’indice Rt hanno convinto il presidente della Regione Erik Lavevaz ad adottare misure più restrittive già dal prossimo fine settimana, mentre da lunedì ci sarà il passaggio ufficiale in zona rossa.

Rischia la Calabria, mentre in Campania si potrebbe prorogare la chiusura totale fino al 12 aprile. Sono già al massimo delle restrizioni il Friuli-Venezia Giulia, l’Emilia-Romagna, la Provincia di Trento, le Marche, la Puglia.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. cazzata rafforzata ecco cosè…chiudere chiudere…il caffe’ fa male, l’aperitivo peggio, fate come me scop…te di piu’ che ne guadagnate di salute e nonb alimentate i contagi

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.