Pasqua e zona rossa, il Viminale: i viaggi all’estero sono consentiti. Le regole

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
In una nota il ministero dell’Interno chiarisce che è permesso spostarsi, anche tra regioni, per raggiungere l’aeroporto per recarsi in vacanza nei Paesi in cui è possibile arrivare. Non tutte le mete sono consentite: dipende dalle restrizioni applicate dai singoli Paesi

E scoppia la polemica. Critica Federalberghi: “Gli alberghi e tutto il sistema dell’ospitalità italiana sono fermi da mesi, a causa del divieto di spostarsi da una regione all’altra. Non comprendiamo come sia possibile autorizzare i viaggi oltre confine e invece impedire quelli in Italia”. Di Maio: “Sconsigliamo di andare all’estero”

Il chiarimento del Viminale arriva dopo la richiesta dell’Astoi, associazione dei tour operator italiani, di chiarire se – viste le restrizioni imposte dal Dpcm del 2 marzo – era consentito andare in aeroporto “in caso di viaggi per turismo verso destinazioni estere non interdette”

Secondo le regole del Dpcm infatti, nelle zone arancioni non è consentito uscire dal proprio Comune di residenza se non per lavoro, necessità e urgenza e nelle zone rosse è fatto divieto di uscire dalla propria abitazione

La nota del Viminale spiega che “sono giustificati gli spostamenti finalizzati a raggiungere il luogo di partenza di questo tipo di viaggi che, in quanto generalmente consentiti, non possono subire compressioni o limitazioni al proprio svolgimento”. È dunque consentito muoversi purché “muniti di autocertificazione”

Ma il ministro degli Esteri Luigi Di Maio avverte: durante il periodo di Pasqua “abbiamo chiesto di restare a casa e di non spostarsi”, non solo tra regioni, e quindi “sconsigliamo ai cittadini di andare all’estero” perché siamo in una fase particolarmente complicata della pandemia, all’insegna di varianti molto aggressive che hanno colpito tutta Europa

Non è comunque possibile recarsi in qualunque Paese, viste le restrizioni presenti in alcuni Stati per via dell’emergenza sanitaria

Questi i Paesi in cui è possibile andare per turismo, senza necessità di altra motivazione: Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco

Chi fa rientro dall’Austria, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti deve sottoporsi alla quarantena di 14 giorni. Isolamento fiduciario al ritorno in Italia è stato stabilito anche per chi rientra da Australia, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea, Ruanda, Singapore, Thailandia

Tutte le informazioni sulle regole da rispettare nei Paesi in cui ci si reca sono disponibili sul portale Viaggiare Sicuri del ministero degli Esteri. La Farnesina raccomanda prima di tutto di “verificare sempre la normativa prevista per l’ingresso in ciascun Paese, in quanto potrebbero essere previste limitazioni da parte delle Autorità locali”

All’arrivo occorre sempre rispettare le restrizioni locali e al ritorno in Italia nella maggior parte dei casi è obbligatorio sottoporsi al tampone

In caso di mancata presentazione dell’attestazione relativa al test molecolare o antigenico, si è sottoposti a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria

In Italia non ci si può invece muovere per turismo, essendo vietato spostarsi tra le regioni fino al 30 aprile se non per motivi di lavoro, salute e necessità

A Pasqua e Pasquetta tutta Italia sarà in zona rossa: non sarà possibile uscire se non per motivi di lavoro, salute, o urgenza. Vietato quindi spostarsi per turismo in questi due giorni festivi

Si può andare invece nelle seconde case – anche se si trovano in zona rossa – dimostrando di averne titolo prima del 14 gennaio 2021 e purché non sia abitata da persone non appartenenti al nucleo familiare

Occhio però alle restrizioni locali sulle seconde case in alcune Regioni. In Alto Adige è vietato andare nella seconda casa se non si è residenti. In Campania e in Puglia il divieto vale anche per i residenti nella regione. In Toscana non possono entrare i non residenti, e così anche in Valle d’Aosta

In Sardegna possono entrare soltanto i residenti e comunque si deve esibire un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti o il certificato di avvenuta vaccinazione. In Sicilia si può entrare con un tampone negativo effettuato 48 ore prima dell’arrivo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. E questo è il governo dei migliori? Si può andare in francua Germania ecc in piena pandemia ed io non posso andare in un qualsiasi luogo italiano? Vergogna Salvini

  2. I babbeoti museruolati sottomessi e lobotomizzati saranno soddisfatti di questa ennesima follia di questo governo abusivo e depravati mentali.
    Se solo gli itaDioti accendessero il cervello :
    Negozi chiusi anche se entra un museruolato alla volta e supermercati con oltre 100 persone aZZembrate contemporaneamente ;
    Chiudersi in casa, mentre divieto assoluto di passeggiata all’aperto, lungomare e in spiaggia ;
    Divieto di spostarsi tra comuni anche se si abita ai confini, E POI POSSIAMO USCIRE DALL’ITALIA, anzi itaGlia?
    Cari italiani, ma quando li cacciamo a calci? Quando decidiamo di riprendere la propria vita?
    P. S.
    L’appello è rivolto a chi ha ancora un cervello funzionante, sono esclusi tutti i babbeoti museruolati, i Covidioti e gli itaDioti.

  3. Pura follia, Non posso uscire di casa per andare al comune accanto, ma posso andare a fanculandia???? Incapaci

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.