Fulvio Bonavitacola: “Su Sputnik no motivi per tornare indietro”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Sulla fornitura di vaccini Sputnik alla Campania “non c’è nessun motivo per tornare indietro, qualcuno dovrebbe dire che questa nostra attività viola qualcosa.

Il primo ministro Draghi ha detto che il governo sta potenziando le forniture per cui non c’è bisogno di uscire dai quattro istituzionali, questa è la tesi”.

Lo ha detto il vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola a Radio Anch’io su Radiouno in merito al contratto della Regione per l’acquisto di dosi Sputnik.

“Se l’Ema o l’Aifa approvano il vaccino – ha spiegato Bonavitacola – l’accordo diventa efficace e si definiranno le dosi per il fabbisogno di un approvvigionamento integrativo.

Io credo che per quanto si possa essere ottimisti, sarà utile anche una scorta integrativa che può essere utile anche per altre Regioni italiane”. Bonavitacola ha commentato anche il numero inferiore di dosi inviate alla Campania: “La distribuzione dei vaccini – ha detto – è compito del commissario nazionale. Non è stata una penalizzazione clandestina.

Ricordo che all’inizio il vaccino Pfizer è stato distribuito in base all’incidenza della popolazione per fasce d’età e la Campania ha una popolazione giovane e ha un quadro complessivo di addetti al settore sanitario inferiore ad altre regioni. Sull’accordo per il vaccino Sputkin si è fatta una polemica largamente inutile e superflua, noi ci siamo mossi nell’ambito di quanto ci hanno detto.

Ci è stato detto dalle autorità nazionali e dall’Unione Europea che ci sono una platea di fornitori istituzionali: Astrazenecva, Pfizer, Johnson e Johnson e Moderna e si è vietato di avviare interlocuzioni con questi fornitori in ordine sparso, dicendo che si fa contrattazione dell’unione europea. A quel punto si è detto per fornitori diversi non c’è nessun divieto e noi ci siamo mossi in questo senso, subordinando l’accordo all’ok dell’agenzia europea e italiana”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Tutto quello che si vuole ma la domanda e non c e un problema di dosi ma un problema di distribuzione la percche fare un precontratto su un vaccino che forse verrà autorizzato non prima di 3 4 mesi quando si spera la stragrande maggioranza e vaccinata pensate ad incrementare i posti in terapia intensiva che mancano e non sono quelli che andate. dicendo ing giro ma molti molti di meno vedi trasmissione report

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.