Pasqua, quali sanzioni si rischiano se si viola la zona rossa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
In vista delle festività di Pasqua, quando tutta l’Italia sarà in zona rossa, il Viminale ha chiesto di rafforzare i controlli, soprattutto nelle grandi città, sulle strade, nelle stazioni e in tutti i luoghi a rischio assembramento.

Viene chiesto di fare particolare attenzione alle verifiche sulle regole riguardanti i divieti di spostamento nei giorni del 3, 4 e 5 aprile. Lo scrive FanPage.it

I controlli e i divieti sugli spostamenti
Il Viminale ricorda che dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati controlli su circa 38 milioni di persone e quasi 10 milioni di esercizi commerciali. Il rafforzamento dei controlli viene previsto per Pasqua così come già avvenuto per tutte le festività rilevanti con una maggiore attività di prevenzione e controllo del territorio.

Il ministero dell’Interno chiede anche la convocazione delle riunioni dei comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica, per organizzare l’impiego delle forze della polizia di Stato, ma anche dei militari dell’operazione strade sicure e degli agenti della polizia locale. Tutta Italia sarà in zona rossa il 3, 4 e 5 aprile e gli unici spostamenti consentiti – oltre a quelli per necessità, lavoro e salute o rientro alla residenza – saranno quelli per far visita a parenti e amici in un’abitazione privata, per un massimo di due persone verso una sola casa al giorno.

Per chi infrange i divieti previsti dai decreti anti-Covid, la multa prevista può andare dai 400 ai 1.000 euro. Questa è la sanzione prevista, quindi, per chi effettua spostamenti non giustificati, per chi non rispetta il coprifuoco o per chi esce della propria Regione senza motivazioni valide.

La stessa multa si applica anche a chi non rispetta le regole sullo spostamento massimo di due persone per andare a far visita a parenti e amici nei giorni di Pasqua e Pasquetta (3, 4 e 5 aprile). L’importo vien ridotto de 30% in caso di pagamento entro 5 giorni: la multa minima scende così a 280 euro.

In caso di falsa dichiarazione attraverso l’autocertificazione il rischio invece è ancora maggiore: se dovesse risultare una falsa dichiarazione in seguito ai successivi controlli è previsto anche il carcere da 1 a 6 anni. Chi commette la violazione dell’isolamento imposto perché positivo al Covid-19, invece, può essere accusato del reato di epidemia colposa: in questo caso si rischia una pena da 6 mesi a 3 anni. Infine, chi non rispetta la quarantena come contatto di un positivo, rischia la reclusione da 3 a 18 mesi e il pagamento di un’ammenda da 500 a 5.000 euro.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Carcere da 1 a 6 anni ahahahahahha Meno male che ci sono queste fesserie a farci sorridere un pò.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.