Nuovo decreto Covid: le regole per bar, ristoranti, palestre e teatri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Fino al 30 aprile tutta Italia sarà in zona arancione o rossa. Quindi varranno le regole usate finora per queste fasce di rischio. Il decreto prevede però una verifica a metà aprile: se la situazione epidemiologica lo consentirà, si valuterà la possibilità che le zone dove la diffusione del virus è più contenuta possano tornare in giallo e, dunque, procedere ad alcune riaperture.

Il decreto prevede però una verifica a metà aprile: se la situazione epidemiologica lo consentirà, si valuterà la possibilità che le zone dove la diffusione del virus è più contenuta possano tornare in giallo e, dunque, procedere ad alcune riaperture, in particolare di bar e ristoranti, cinema e teatri

BAR E RISTORANTI – Restano chiusi. Possibile solo l’asporto, fino alle 18, e la consegna a domicilio, fino alle 22 e solo per i ristoranti

In caso di ripristino delle zone gialle, bar e ristoranti potranno riaprire a pranzo

Dalle 5.00 alle 22.00 è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande, come segue: – dalle 5.00 alle 18.00, senza restrizioni – dalle 18.00 alle 22.00, è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina (e altri esercizi simili – codice ATECO 56.3) o commercio al dettaglio di bevande (codice ATECO 47.25)

La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti

È consentita, senza limiti di orario, anche la consumazione di cibi e bevande all’interno degli alberghi e delle altre attività ricettive, per i soli clienti ivi alloggiati

PARRUCCHIERI E CENTRI ESTETICI – Aperti in zona arancione, restano invece chiusi in zona rossa

PALESTRE E PISCINE – Le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono sospese, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del CONI o del CIP

Allo stesso modo, sono sospese l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sia all’aperto che al chiuso. Vietato lo svolgimento degli sport di contatto

Sono inoltre vietate tutte le gare, le competizioni e tutte le attività connesse agli sport di contatto di carattere amatoriale

CINEMA E TEATRI – Ancora niente aperture fino al 30 aprile

Se la verifica di metà mese darà esito positivo e dunque torneranno le zone gialle, si potrebbe valutare la riapertura di cinema e i teatri con le regole che erano già previste nel precedente decreto: prenotazione obbligatoria, massimo 200 spettatori al chiuso e 400 all’aperto

MUSEI – Ancora chiusi fino al 30 aprile, ma anche per i musei, se la verifica di metà mese darà esito positivo, ci potrebbe essere una riapertura

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. c’è ne faremo una ragione….imbecilli pensano a queste fragnacce quando ogni giorno in questa guerra maledetta che potremmo vincere facilmente chiudendo tutto per 6 mesi, muoiono 500 persone al giorno di covid…imbecillità umana e melme umane chi non mette la salute al primo posto

  2. È consentito, non è consentito…sembra la “penna” di Conte. Si deduce che quindi la medesima linea sia eterodiretta. È la Costituzione italiana che non consente a nessuno di voi di emanare norme di questo tipo e consente ai cittadini di essere liberi. Tutto illegittimo

  3. La Costituzione consente di essere liberi?
    😂😂😂
    Senza limiti o tutele nell’interesse collettivo?😂😂😂
    Quando inizi ad andare a zappare è sempre troppo tardi.

  4. Almeno Conte diede ristori a tutti, questo governo draghi ha fatto in modo che solo chi non dichiara o chi non paga le multe traggano beneficio, e allora infrangiamo tutti le regole perché questo si meritano

  5. Quale sarebbe l’interesse collettivo? Contenere l’epidemia? Ogni giorno ci sono aumenti di contagi nonostante i negozi siano chiusi come tu voglia che siano. Quindi non è cambiato nulla rispetto a quando erano aperti. NULLA. La zappa dovresti dartela tu sui piedi. Che poi come se andare a zappare fosse così facile o mestiere da imbecilli, quando non sai nemmeno di che parli, magari a lavorare non sei mai andato.
    Ti saluto e mi raccomando tutela la salute collettiva stando a casa.
    Indossa la mascherina eh!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.