Le Regioni chiedono a Draghi di valutare riaperture dal 20 aprile

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Dopo la stretta di Pasqua, voluta dal governo, i presidenti delle Regioni torneranno a chiedere a Draghi di valutare una programmazione delle riaperture delle attività chiuse.

Ma soprattutto chiederanno di iniziare a riaprire a partire dal 20 aprile. Nel frattempo il governo pensa a convocare la cabina di regia per decidere come programmare le riaperture.

I presidenti delle Regioni andranno da Draghi con una richiesta chiara: “Fornire prospettive a quei settori chiusi valutando aperture subito dopo il 20 aprile”, ma solo “nel caso di un miglioramento dei dati epidemiologici”. Poi, però, bisognerà “permettere da maggio la ripartenza di attività in stand-by da troppo tempo come le palestre”. La sintesi del piano che vorrebbero mettere in campo i governatori, a quanto si apprende, è questa.

E verrà annunciato anche a Draghi stesso, probabilmente giovedì, quando ci sarà l’incontro con il presidente del Consiglio per parlare dei fondi del Recovey plan. Poi, sempre giovedì, il confronto con il governo nella conferenza tra Stato e Regioni, in cui si parlerà più approfonditamente del tema.

Nel frattempo si parla di quando potrebbe essere convocata la cabina di regia del governo Draghi per programmare le riaperture di cui tanto si discute. Il decreto Covid di aprile è stato varato con una clausola: che si rivedessero le regole nel caso in cui la situazione migliorasse.

Basterebbe una delibera del Consiglio dei ministri, che di fatto dovrebbe riunirsi comunque, come nel caso di un decreto legge, per riprogrammare aperture e chiusure e intervenire sulle misure restrittive in vigore fino al 30 aprile in tutta Italia. Secondo fonti di Palazzo Chigi potrebbe arrivare già in settimana l’incontro per portarsi avanti sulle riaperture, e capire cosa si potrà programmare e cosa no a partire dal 20 di aprile. Anche perché le Regioni – in grande maggioranza di centrodestra – continueranno a chiedere di andare in quella direzione e, dopo la stretta di Pasqua, vorranno delle risposte concrete.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. tra poco saremo tutti con lo stipendio assicurato da draghi e i governanti,tutte le attivita’ chiuderanno e saranno loro a mantenerci cosi’ come per il reddito di cittadinanza- i navigator-i cassaintegrati,la vedo nera se continua questo andazzo le attivita’ chiudono,le tasse non le paga piu nessuno e sara’ la fine degli stipendiati fissi,dei pensionati dell’assistenza sanitaria e con questo sfacelo la guerra civile .

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.