Processo Crescent, in Appello chiesto maxi risarcimento da 400 milioni di euro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
14
Stampa
Appello Crescent: chiesto risarcimento da 400 milioni di euro. Ieri le conclusioni – come titola, nelle pagine interne, il “Quotidiano del Sud” – delle parti civili Italia Nostra e Comitato No Crescent – Nella requisitoria del pubblico ministero spuntano l’Ifil e i rapporti con Rainone.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

14 COMMENTI

  1. Solo in Italia si può bloccare un’opera già approvata per decenni, con la scusa di tutelare la città pfeferoscono avere un cantiere incompiuto pef un secolo… Far male a de Luca? Non c’è prezzo dice una pubblicità.. Intanto a loro non frega degli effetti collaterali

  2. Ai No Crescent non li ferma neanche al pandemia…Chissà poi questi 400 milioni chi li dovrebbe sborsare e in quali tasche andrebbero…

  3. Ma i No Crescent conoscevano quella zona prima del crescent ? Mi sorge il dubbio che preferivano immondizia e prostituzione degli anni 90

  4. La domanda da fare oggi a questi babbei è, ma bestie che non siete altro la multa la paghiamo noi cittadini. E i soldi? Li prenderebbero i vostri avvocati…ormai esiste e nessuno lo toglie. Ed avete anche il coraggio di candidarvi alle elezioni? Avete rotto.

  5. State ancora a difendere questo mostro urbanistico realizzatto abusivamente su suolo demaniale per arricchire i palazzinari amici dello sceriffo che hanno venduto appartamenti ed attici a molti milioni senza pagare nulla per un terreno edificabile? Se voi volete sanare una veranda spendete più di 2500 euro, questi hganno avurto il tereno gratis!!! E il paesaggio deturpato? Smettela di fare i sudditi e reagite con orgoglio una buona volta. i 400 milioni saranno solo l’inizio per ripristinare le ferite inferte all’ambiente.

  6. Servirebbero per risarcire i salernitani delle aree a loro sottratte, e che continuano ad essere sottratte, che potevano essere destinate a parco sul mare collegato all’esistente villa comunale. Però a Salerno si conosce solo il cemento e nient’altro. Quindi 400 milioni, da gestire però dalle associazioni non dal comune, per il ripristino ed il miglioramento delle gravi condizioni del verde pubblico in mano ad un comune incompetente!! Per credere basta guardare lo stato degli alberi al corso V. Emanuele, osservare come è piantato qualche alberello sul lungomare, osservare quali tipi di palme hanno sostituito quelle lussureggianti di cui era ricco il lungomare, per capire quale livello raggiunge l’incompetenza di chi gestisce il verde pubblico.

  7. Va raso al suolo ,bonificare la zona,compreso il letto del Fusandola
    e restituirla ai cittadini di SALERNO e non,con spazi verdi e punti
    di aggregazione (magari controllati da forze dell’ordine)quel posto e’
    di TUTTI come gli spazi che stanno togliendo a Torre Angellara etc,etc…
    PER IL “RESTO”c’è ancorara un sacco da dire e ancora da fare.Il punto
    è quando cominciamo?Salernitani cheamano Salerno?…

  8. Gianlù, ma tu e capit che questa megacolata di cemento è destinata solo a pochi? Ci hanno tolto una fettina di città e soprattutto di panorama, per far contenti pochi eletti…e tu te ne vieni con un SI al Crescent, magari facendo anche la domanda che fanno tutti: “era meglio prima?”. Ma certo che non era meglio prima! Ma possibile mai che l’alternativa al degrado che c’era prima in questa zona dev’essere per forza nu mammon ‘e stà purtat, destinato a pochi poi??? Ma vuò verè che sei fra quei pochi! Ja ma famm o piacer

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.