Francia danneggia opera d’arte di uno scultore italiano ma rifiuta di risarcire

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ancora una volta una diatriba in tema di opere d’arte vede la Francia contrapposta all’Italia. Al centro della vicenda la decisione delle autorità francesi di non risarcire uno dei più noti scultori del nostro paese le cui opere di grande valore sono state danneggiate durante la ristrutturazione di alcuni immobili francesi dove erano ospitate le opere in questione.
I fatti risalgono al 2019, quando i “Pii Stabilimenti francesi a Roma e a Loreto“, che come noto possiedono diversi immobili nella capitale, avviano dei lavori di ristrutturazione in uno stabile sito in Via del Vantaggio dove lo scultore Bruno Liberatore (unico artista italiano ad avere una intera sala a lui dedicata al Museo Ermitage di San Pietroburgo) tiene esposte le proprie opere d’arte sin dall’anno 2009.
Nel corso di tali lavori, purtroppo, ben 5 opere del noto scultore hanno subito degli ingenti danni, e nonostante le reiterate richieste, lettere e diffide inviate dall’artista e volte ad ottenere un indennizzo per il danno subito, i Pii Stabilimenti non hanno mai fornito una risposta. Nemmeno le autorità francesi, e lo stesso presidente Macron cui Liberatore si è rivolto, hanno accolto le richieste dell’artista.
Già lo scorso 22 febbraio i Pii Stabilimenti francesi a Roma e a Loreto erano finiti nell’occhio del ciclone, dopo le sciopero della fame indetto da una dipendente che si era vista rifiutare 16 anni di contributi previdenziali. Lo scultore si è così rivolto al Codacons, al fine di citare in giudizio il Governo francese e ottenere il giusto risarcimento per la distruzione delle sue opere ospitate in un immobile di proprietà della Francia.
L’associazione, che sta completando le carte per una causa al governo francese, ha intanto presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma, in cui si chiede di aprire una inchiesta nei confronti dei Pii Stabilimenti e dell’Ambasciata francese presso la Santa Sede per il reato di danneggiamento aggravato di opere d’ arte di rilevante valore.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.