Due parrucchiere positive in giro da abusive per le case: focolaio Covid nel Cilento

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
Tanta preoccupazione, ma soprattutto rabbia, nel Cilento per un’impennata nei casi di contagio da Covid. Colpa anche dell’irresponsabilità di chi continua a violare le leggi. Ad Ascea – come riporta il sito web infocilento.it – negli ultimi giorni si sono registrati oltre 20 casi di positività.  Un focolaio riconducibile anche a due ragazze parrucchiere risultate positive e che abusivamente sono andate in giro per le case a fare capelli.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. Non si può non commentare questo articolo !oltre che essere abusive pure positive al covid?la mia di parrucchiera rispetta le regole !mi dispiace ma per queste due non c’è considerazione !

  2. Non si può non commentare questo articolo !oltre che essere abusive pure positive al covid?la mia di parrucchiera rispetta le regole !mi dispiace ma per queste due non c’è considerazione !

  3. marchiatele a fuoco e se si aggravano lasciatele marcire in un lazzaretto. Se vogliono vivere come nel medioevo devono anche essere trattate come nel medioevo.

  4. questo e’ il risultato delle decisioni scellerate prese dal ministro Speranza e dal CTS, chiudere barbieri e parrucchieri che avevano adottato tutte le misure di sicurezza ha provocato una ondata di contagi perche’ si va nelle case a fare l’attivita’ senza precauzioni ed in ambienti piu’ ristretti spesso rispetto ai locali dove si svolge abitualmente l’attivita’. si potevano attuare dure misure restrittive per chi non rispettava le regole anti covid, si e’ scelto la via piu’ inutile chiudere tutto senza controlli. per non parlare dei negozi di intimo aperti al pubblico e non quelli di abbigliamento.

  5. A prescindere, mi dispiace per chi si ammala, ma purtroppo questo è il nostro malcostume a volte si ha la conferma che questo paese è fatto per chi “osa” fuori da ogni legalità e buon senso ed a pagarne le conseguenze sono sempre i soliti…

  6. Smart Working garantito fino a Dicembre.
    W i testicolini liberi senza museruola e paravento.

  7. Certo che ci vuole proprio una bella faccia tosta non basta che lavorate in nero senza pagare le tasse quando poi positive e credo che eravate al corrente della vostra positività ve ne andate pure in giro con la consapevolezza di contaggiare altre persone !dovete essere condannate per epidemia colposa

  8. Irresponsabili perché abusive e perché positive al covid!credo anzi voglio sperare che erano a conoscenza della positività?ma senza alcun senso di responsabilità se andavano in giro!come minimo devono essere multate per epidemia colposa!

  9. Caro runner non devo dare conto a nessuno di ciò che scrivo ne tantomeno a te !e la prossima volta prima di mettere becco nei miei confronti pensaci bene ma tu come ti permetti,?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.