Covid, Regno Unito riapre tutto ma viene subito gelato dalla variante indiana: circa 80 casi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Le autorità sanitarie nel Regno Unito hanno segnalato la presenza nel Paese della variante indiana del coronavirus. La mutazione è stata scoperta in circa 80 persone. Questo ceppo presenta una doppia mutazione rispetto a quello originario e appare più trasmissibile. Il Regno Unito ha anche lanciato l’allarme per la variante sudafricana, considerata più resistente ai vaccini disponibili. I casi sono concentrati in 4 focolai, tutti a Londra.
Nel Regno Unito, che ha legami significativi con il colosso asiatico (dove il premier Boris Johnson è atteso fra una decina di giorni per la prima visita ufficiale post pandemia all’estero, confermata seppure in formato ridotto sullo sfondo della nuova ondata di contagi che ha investito il Subcontinente), vengono eseguiti più test di qualunque altra nazione al mondo sul genoma umano: test in grado di tracciare in anticipo le varianti. Al momento i casi di sospetto contagio sull’isola con questa mutazione, indicata con la sigla B.1.671 e divenuta predominante in India, sono 77.

 

Per i medici britannici si tratta di “una variante d’interesse”, non di un’allerta vera e propria tenuto conto dell’impatto ancora limitato e circoscritto. Ma le preoccupazioni non mancano, perché questo ceppo presenta una doppia mutazione rispetto a quello originario e appare più facilmente trasmissibile, nonché meno suscettibile ai vaccini.

 

Covid, esperto Gb: variante indiana potrebbe essere “preoccupante” – La scoperta della variante indiana potrebbe essere motivo di preoccupazione. Lo ha detto al Guardian Paul Hunter, professore di medicina presso l’Università dell’East Anglia. “Quello che preoccupa – anche se è ancora prematuro dirlo con certezza – è la doppia mutazione”. Public Health England (Phe) ha riferito che 73 casi della variante B.1.617 sono stati confermati in Inghilterra e quattro in Scozia. In India i tassi di Covid-19 sono in aumento, con oltre 13,9 milioni di casi e 172mila decessi. Il Paese non è sulla “lista rossa” del governo dei Paesi con divieto di viaggio.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.