Il Covid si abbatte sulla Serie B, ipotesi stop il 1° maggio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Strisciante come il subdolo virus che ha sconvolto il mondo, il sospetto che qualcuno possa approfittare del Covid per falsare il campionato di Serie B avvelena il finale della regular season, sul quale si addensano nubi e il rischio di code giudiziarie. L’Asl di Pescara ha stoppato il team di Grassadonia, a causa di un vero e proprio cluster che richiederà dieci giorni di quarantena.

Ieri si è svolto un consiglio direttivo di Lega straordinario e nelle due ore in videoconferenza si è parlato pure della decisione di far giocare Empoli-Chievo e delle lamentele della Reggiana, che denuncia disparità di trattamento rispetto alla partita fantasma dell’Arechi (per la quale è stata assegnata la vittoria a tavolino alla Salernitana). Le parti si aggiorneranno domenica pomeriggio, quando si terrà un’assemblea monotematica.

Il Pescara si giocherà il jolly previsto dal regolamento contro l’Entella, ma non potrà disputare le successive gare ravvicinate con Cosenza e Reggiana e, anche nel caso in cui la squadra superasse rapidamente i problemi legati al Covid, recuperare questi match prima della fine della stagione regolare (7 maggio) appare impresa titanica e, inoltre, la contemporaneità di cui s’era parlato per le ultime tre giornate di calendario verrebbe meno.

E’ per questo che la data d’inizio dei play off, fissata per il 10 maggio (ufficializzata mercoledì pomeriggio), potrebbe slittare. E questo aspetto preoccupa anche la Salernitana. Perché se l’atto conclusivo degli spareggi promozione dovesse essere procrastinato (ad oggi è previsto per il 27 maggio), i granata potrebbero non avere a disposizione i nazionali (Gyomber è in odore di convocazione con la Slovacchia per gli Europei, altri potrebbero essere selezionati per le amichevoli di preparazione).

Domani, intanto, si gioca. Poi cosa succederà? C’è chi chiede lo slittamento delle ultime quattro gare, chi propone lo stesso solo per le ultime due e chi è contrario. Nella prima ipotesi: si giocherebbe solo la prossima gara, poi si ripartirebbe ad inizio maggio, in modo da “aspettare” il Pescara e frattanto recuperando Empoli-Chievo e Pordenone-Pisa. Nella seconda, ci si fermerebbe dopo (saltando il weekend del primo maggio e dedicando un paio di settimane ai recuperi) per poi ricominciare il 7. Potrebbe essere il male minore un po’ per tutti. Tutto ciò, però, comporterebbe una compressione della post season, con gare ogni tre giorni e la finale ritardata. In ogni caso, è facile immaginare una coda velenosa di carte bollate.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.