Il tribunale russo dà ragione al papà: la piccola Sofia deve tornare a Teggiano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“La piccola Sofia deve tornare a Teggiano”: in aula – come titola il quotidiano “le Cronache” anche il console italiano. Per l’ennesima volta la giustizia russa dà ragione a Luigi di Salvio, che da tre anni chiede che la figlia  possa tornare in Italia. Venerdì pomeriggio si è discusso l’ennesimo ricorso, il quarto grado di giudizio, presentato dai legali della donna, una russa, per confutare e sospendere la decisione della Magistratura russa che da oltre un anno ha deciso per il rimpatrio della piccola Sofia (ha cinque anni e non vede il padre da due) perché la mamma è stata accusata di sottrazione di minore all’estero.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.