Scuola in presenza o Dad, da Salerno appello genitori a De Luca per libertà di scelta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
“Chiediamo a De Luca la possibilità di scegliere tra presenza e Dad”: lettera aperta a De Luca e alla Fortini dai genitori  salernitani – come titola il quotidiano “Le Cronache” – contro il ritorno a scuola. L’avvocato Maria Buono e l’ingegnere Antonio Ilardi ribadiscono la necessità di far decidere alle famiglie se far tornare i figli in classe.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Mi pare giusto, che ognuno decida per se e per i suoi figli. Non si può fare appello alla responsabilità quando al governo siedono degli irresponsabili totali.

  2. La scuola è chiusa: Dad. La scuola è aperta: In presenza. Non ci vai? Assente. Semplice. Ma che vuol dire scegliere? Ma vi rendere conto che è un anno che stiamo così? Il Covid? E quindi? Non facciamo più studiare i ragazzi? Ma siete veramente matti? A certi genitori andrebbero tolti i figli

  3. Forse non è chiaro: De Luca non è nè il Ministro dell’Istruzione, tantomeno degli Interni. Cosa serve chiederlo a lui?

  4. Dovete sacramentare i vostri figli a essere responsabili.
    Dovete fare i genitori.
    Dovete andare tutti a lavorare e a studiare.
    Il coronavirus è stata la scusa perfetta per fare i lavativi un anno intero, della salute non ve ne importa assolutamente niente.

  5. Giusto, in una situazione eccezionale come quella attuale, è una chiara scelta di civiltà che andava fatta sin dall’inizio. Consentire ai cittadini, senz altro più pratici, di porre riparo alle decisioni, assurde se contestualizzate, delle autorità lasciando a loro la scelta di decidere per la propria vita.
    Non solo per timore di contrarre il virus ma anche per tutela delle proprie attività. È difficile far comprendere a chi, di sicuro dipendente, in caso di contagio, ha tutti i vantaggi dell assistenza previdenziale. Invero non è nemmeno una questione meramente economica ma prima ancora di salute e responsabilità: gli autonomi (avvocati, commercialisti ecc) sono sobbarcati di adempimenti e scadenze ogni santo giorno fioriere di responsabilità se non rispettate.

  6. Non sapevo che de luca fosse anche ministro dell’istruzione..questi si dad sono ridicoli

  7. Quando non si “può” mettere in sicurezza (in realtà non si vuole, questa è la verità) diventa inevitabile e giusta la possibilità di scelta da parte delle famiglie, ma non si doveva arrivare a quel punto, perché è uno strumento che serve a chi l’ha fatto di salvarsi il fondoschiena (peraltro usurato), creando (a insaputa o, come purtroppo credo, volendo proprio) dei conflitti verbali e talvolta fisici nella società civile tra Sì DAD e No DAD e quando si arriva a queste azioni da parte della politica e della società civile ci dobbiamo fare dei seri sospetti sulla situazione attuale (del resto la Superlega pensata e progettata da decenni ha trovato la sua piena nascita l’altra sera, e quindi ci chiediamo come sia possibile che Agnelli dica che il calcio è in crisi e che bisogna risolvere i problemi sin da subito quando poi i giocatori c’hanno ancora stipendi onerosi ed esagerati a distanza di mesi da queste dichiarazioni ma poi anche Perez, presidente del Real Madrid che dice a una tv spagnola “se dici che i ricchi saranno più ricchi e i poveri saranno più poveri e lo spieghi così…”, “Quello che dobbiamo fare è mettere ordine nel calcio, non vogliamo confrontarci con nessuno.” (molti tifosi giustamente sono contrari) “Ma i ragazzi devono stare calmi perché non succederà nulla” “Cercheremo di iniziare il prima possibile. Parleremo con Uefa e Fifa, non so perché devono arrabbiarsi. La Uefa ha lavorato per un altro formato che, prima, non ho capito e poi non produce il reddito necessario per salvare il calcio.” “Quello che vogliamo è salvare il calcio in modo che per i prossimi 20 anni almeno possa vivere in pace. La situazione è molto drammatica. I soldi sono per tutti, questa è una piramide.” e poi c’è De Laurentis che da presidente del Napoli s’interessa più di guadagni economici che alla squadra, dei tifosi, della città… cioè per farvi capire)

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.