Zone gialle. Dal 26 aprile 10 Regioni assaporeranno le riaperture. Ferma al palo la Campania

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Zone gialle dal 26 aprile: tra queste ci sarà sicuramente il Lazio, visto che c’è stato l’annuncio del governatore Nicola Zingaretti. Intervenuto durante la trasmissione di Rai 1 “Oggi è un altro giorno”, il presidente della Regione Lazio ha dichiarato: «Da lunedì saremo zona gialla e dico, anche in zona gialla, riapriamo finalmente ma non al Covid e quindi stiamo attenti». Dunque, il governatore ha invitato i suoi cittadini a mantenere alta l’attenzione. Anche la Toscana verso la zona gialla, ma quella di Eugenio Giani è una previsione. «L’indice Rt oggi risulta essere di 0,82-0,86, rispetto alla soglia di 1 della zona arancione e siamo abbondantemente sotto i 200 casi su 100mila abitanti, è un fatto progressivo da 15 giorni a questa parte, da quando eravamo ancora in zona rossa». Quindi c’è un netto calo nei due principali indicatori. Da qui la sua previsione: «La zona gialla probabilmente da lunedì ci sarà anche in Toscana». (agg. di Silvana Palazzo)

Si sapranno come sempre nella giornata di domani, con il consueto monitoraggio settimanale, quali saranno i colori dell’Italia, e di conseguenza, quali le regioni gialle. Dopo diverse settimane di restrizioni, i numeri del contagio sono diminuiti in maniera sensibile, a cominciare dai posti letto occupati nelle terapie intensive, di conseguenza, saranno diverse le regioni che potranno tornare a respirare a partire da lunedì prossimo, 26 aprile. Ma quali dovrebbero essere le regioni gialle da settimana prossima?

Per la prima volta potremmo avere un’Italia quasi completamente di colore chiaro visto che le regioni a rischio moderato potrebbero essere undici, ma si parla anche di dodici, forse addirittura 13, a cominciare dalla Lombardia, che tornerà così nella colorazione più tenue dopo circa due mesi dall’ultima volta. Non dovrebbero esservi sorprese visti i dati, a cominciare dall’Indice Rt e dai contagi, così come non sembrerebbero esservi dubbi in merito ad un altro maxi gruppo composto da Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria e Veneto, con le aggiunta delle due province autonomo di Trento e Bolzano.

 

Sono invece in bilico fra l’arancione e il giallo, Molise, Calabria e Sicilia, che probabilmente resteranno un’altra settimana in arancione cosi come la Campania, mentre non sembrano esservi novità per le tre regioni al momento rosse, leggasi Puglia, Sardegna e Valle Aosta. Fa specie il caso dell’isola sarda, l’unica regione fino ad oggi in grado di ottenere il tanto agognato bianco, ma che nel giro di meno di un mese è passato appunto da “nessuna restrizione”, fino ad una sorta di nuovo lockdown. In attesa dei dati ufficiali comunicati domani, ricordiamo che dal 26 aprile potranno riaprire i bar e i ristoranti, ma solo all’aperto, e sarà consentito anche lo sport di contatto. Riapriranno dopo mesi anche cinema, teatri, musei e mostre, ed inoltre ci si potrà spostare fra regioni, ma solo per turismo (con il green pass), o eventualmente per lavoro/esigenze.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. X Mario
    Rifletti bene su quello che ha detto, magari non ci hai pensato bene prima di scrivere.

  2. zona rossa tutto il 2021 e vediamo se gli imbecilli che stanno con i loro comportamenti irresponsabili rovinando tanti operatori economici che con la zona gialla potrebbero vedere un po di luce. ma niente sono mesi che viaggiamo a 2.000 contagi al giorno e l’unico sistema, per chi e’ sordo agli appelli, e’ intensificare i controlli e pene pesantissime al limite del penale altrimenti solo con le multe, che tanti non pagano, non si va da nessuna parte.

  3. 19:05 – Da piccolo ti prendevano in giro tutti. E mi sa anche adesso. Comunque è meglio che torni sul balcone

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.