Campania zona gialla, nuova ordinanza di De Luca sulla scuola

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
16
Stampa
Dopo settimane di chiusure e sacrifici, oggi con il consueto monitoraggio Iss dell’emergenza Covid in Italia, si definirà la nuova mappa delle zone.

Il nuovo decreto Covid ha reintrodotto le zone gialle e dunque da lunedì 26 aprile le regioni dove la situazione pandemica è sotto controllo torneranno nella fascia di minori restrizioni.

In base alle ipotesi valutate dagli esperti dell’Istituto superiore di Sanità e del ministero della Salute dopo il monitoraggio settimanale dei dati sull’andamento epidemiologico del Covid-19 sarebbero 14 le Regioni e 2 le Province Autonome a puntare alla zona gialla da lunedì prossimo, 26 aprile, come previsto dal decreto Riaperture. Le Regioni sono: Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Marche, Piemonte, Pa Bolzano, Pa Trento, Toscana, Umbria e Veneto. In bilico, tra giallo e arancione, la Puglia. Le regioni in arancione, costrette quindi per ora a perdere il treno delle riaperture, sarebbero Basilicata (rischio moderato, incidenza settimanale 201 casi per centomila abitanti), Calabria (rischio alto, incidenza 152), un po’ a sorpresa anche Sardegna (rischio alto, incidenza 132), Sicilia (rischio moderato, incidenza 175) e Val d’Aosta (rischio moderato, incidenza 227).

La Campania torna zona gialla e puntuale arriva l’ordinanza del governatore Vincenzo De Luca.

Nel testo il governatore richiamai dirigenti scolastici alla puntuale applicazione delle linee guida nazionali e dispone che «ove il rispetto della soglia minima di attività in presenza, stabilita per le scuole secondarie superiori nel 70% della popolazione studentesca, risulti incompatibile con l’applicazione delle linee guida nazionali, vengano adottate dai dirigenti scolastici forme flessibili nella organizzazione dell’attività didattica, al fine della riduzione dell’attività in presenza nella misura necessaria ad assicurare il rispetto del distanziamento minimo richiesto dalle vigenti misure di sicurezza, in ogni caso assicurando almeno il 50% delle presenze».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

16 COMMENTI

  1. Dove sono i catastrofisti? Adesso il merito di chi sarebbe, dei cittadini o del governatore? Dove sono quelli che auguravano il covid a chi metteva il naso fuori casa? Da lunedì si torna a vivere, alla faccia di voi morti dentro

  2. Perche’ scrivete sempre in modo da FAR PASSARE COSE NON VERITIERE?
    LA CAMPANIA RIMANE IN ZONA ARANCIONE perche’ i dati sono i piu’ negativi d’Italia!!!!!!!
    Sempre a far passare notizie eccellenti per una conduzione della pandemia, in Campania, da spavento!!!

  3. Di catastrofico c’è solo il tuo cervello….non c’è merito….c’è ignoranza….il governo e la Regione stanno aprendo per i rompiscatole e per non pagare sussidi….nella realtà abbiamo numeri da ZONA ROSSA.
    Vivo la realtà senza paraocchi da demente runnerizzato ….ieri ho visto più ambulanze sotto i palazzi, oggi le prime scuole che chiudono per contagi.
    Siete ciucci che si credono pure intelligenti!

  4. E’ proprio vero ! La percentuale di contagiati in Campania è superiore al doppio rispetto alla media nazionale. La Campania, inoltre, è la prima in Italia come numero di “Positivi Attuali”. Non vi è quindi
    alcun segnale favorevole per passare dalla zona arancione a quella gialla ! ! ! Misteri della politica ! ! !

  5. che ne sai indignato, del colore se ancora non e’ certo nulla, anzi alcune testate nazionali danno la Campania in zona gialla. arrenditi.

  6. Ne statale, ne ribusciato nullafacente come te(per scrivere tanto hai molto tempo da perdere, utilizzando ad esaurimento l’unico neurino funzionante).

  7. Scommettiamo che questo/i demente tra 15 giorni torna ad abbaiare come un cane senza museruola?

  8. Arrenditi 😂😂😂 la Sardegna è passata in una settimana da bianca a rossa, ma è possibile che dopo B.Gates, la mancata fotografia ddl virus, i Raggi Uv e l’ Idrossiclorochina( Bolsonaro il mito del demente corridore 😂), gli Asinosintomatici che non trasmettono….i test farlocchi …..ti vuoi arrendere e capire che questo Vairus è matematica?

  9. X Nino
    Il mondo decisionale dei palazzoni hanno deciso di fare il doppiogioco: far sperare chi ha manifestato il malcontento (ristoratori in primis) in maniera molto accentuata (non violenta, perché i violenti gli infiltrati che fanno bordello ovunque) per poi illuderli con la chiusura e ci riusciranno perché faranno capire alla gente che c’è il liberi tutti, anche col fatto dell’assenza di vigili e controlli anti-Covid

  10. Come no!!! In due e dico due giorni di scuola ho già 1 figlio in quarantena fino al 4 maggio per positivo in classe…. Avendone 3 nn so che aspettarmi….. E ho amici con intere famiglie a casa con covid….. Fate voi….. Nn so ormai…… siamo trattati peggio dei burattini di Mangiafuoco…..anzi lasciamo che ci trattino così……

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.