Bar in zona gialla: sul servizio al banco dal 26 aprile è scontro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa

Meno di due righe, al capitolo servizi di ristorazione. “Rimane esclusa relativamente agli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande la possibilità di consumazione al banco”. Una circolare del ministero dell’Interno ancora in bozza – “è in corso di definitiva stesura e verrà adottata quanto prima’’, la precisazione del Viminale alle 15 di oggi –  sta mettendo in subbuglio i baristi d’Italia alla vigilia delle riaperture, previste da lunedì, quando quindici regioni passeranno in giallo.

E proprio sulle regole fissate per la zona della ripartenza, sta scoppiando quella che è già stata ribattezzata “la guerra del caffè al banco”. Una risorsa economica strategica soprattutto per chi non ha spazi all’aperto (nei conti della categoria, sarebbe in queste condizioni oltre il 50% dei bar). Così per molti vedersi negata la possibilità delle colazioni al banco significherebbe essere condannati alla chiusura. Da qui la mobilitazione della categoria,  a cominciare dalle più alte cariche di Confcommercio.

Sono ore frenetiche di trattative, anche per poter dare indicazioni chiare alle imprese che hanno necessità di programmarsi. I numeri sono davvero importanti,  poco meno di 144mila i locali  censiti da Confcommercio. Non solo. Rappresentano un segno di ritorno alla normalità e una delle abitudini più amate dagli italiani.

Dopo l’uscita del decreto, l’associazione guidata da Carlo Sangalli aveva esaminato il testo con i suoi legali e il vicepresidente nazionale Fipe Aldo Cursano aveva concluso: “Fa fede il Dpcm del 2 marzo, nelle zone gialle  si potranno consumare cibi e bevande al banco fino alle 18”.

La stessa conclusione, in giornata, era stata messa per iscritto da Confartigianato in una circolare indirizzata a tutte le sedi d’Italia. Era stata più prudente la linea di Confesercenti, che aveva chiesto chiarimenti al governo con un quesito urgente. Oggi chiede “una revisione urgente del provvedimento. Così si ammazzano i bar. Le imprese sono disperate e non  è retorica”. E ora? Le diplomazie sono al lavoro. Se le nuove indiscrezioni saranno confermate, qualche associazione avrebbe già pronto nel cassetto il ricorso al Tar.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. In Campania perché non si è protestato quando era De Luca a chiudere,con ordinanze fatte il giorno prima dell’apertura con grave danno x i ristoratori che avevano speso soldi x ricevere i clienti o quando impose ai bar di vendere solo acqua dopo le 11.00 di mattina.Non dimenticate queste cose. Pubblicate e non censurate grazie

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.