Recovery, stop all’esame di Stato: ecco per quali lauree e professioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
La bozza del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) apre a una possibile rivoluzione per il mondo dell’università e dell’accesso alle professioni. L’esame di laurea varrà già come esame di Stato per una serie di abilitazioni, velocizzando l’accesso al mondo del lavoro da parte dei laureati.

La “riforma delle lauree abilitanti” è uno dei punti che trova spazio nelle “missioni” del Recovery Plan italiano, secondo l’ultima bozza, attesa sul tavolo del Cdm sabato

“La riforma prevede la semplificazione delle procedure per l’abilitazione all’esercizio delle professioni – si legge nel testo -, rendendo l’esame di laurea coincidente con l’esame di Stato, con ciò rendendo semplificando e velocizzando l’accesso al mondo del lavoro da parte dei laureati”

Nella pratica quindi cambieranno le modalità di abilitazione all’esercizio di alcune tipologie di professioni, perché non servirà più l’esame di Stato

Questa frase nella bozza del Pnrr non aggiunge ulteriori dettagli ma significa che alla fine di alcuni cicli di studi la laurea varrà direttamente come esame di Stato per l’accesso alle professioni

La riforma riprende un disegno di legge approvato il 19 ottobre scorso dal governo Conte su proposta dell’allora ministro dell’Università Gaetano Manfredi

Questo provvedimento prevede infatti che il necessario tirocinio pratico-valutativo per l’accesso alle professioni regolamentate sia svolto all’interno dei corsi di laurea e che quindi l’esame di laurea diventi anche un parallelo esame di Stato di abilitazione all’esercizio della professione

Questo nuovo modello si applicherebbe alle lauree magistrali a ciclo unico in OdontoiatriaFarmacia, Medicina veterinaria, Psicologia, che quindi conferirebbero l’abilitazione all’esercizio delle professioni, rispettivamente, di odontoiatra, farmacista, veterinario e psicologo

Anche le lauree professionalizzanti per l’edilizia e il territorio, le tecniche agrarie, alimentari e forestali, le tecniche industriali, abiliterebbero all’esercizio delle professioni di geometra laureato, agrotecnico laureato, perito agrario laureato e di perito industriale laureato

Il provvedimento prevede anche che ulteriori titoli universitari che consentono l’accesso agli esami di Stato possano essere resi abilitanti su richiesta dei consigli degli ordini o dei collegi professionali o delle relative federazioni nazionali

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. gli ordini professionali, che non sono altro che corporazioni di stampo medievale, vanno aboliti

  2. Perché non abolire l’esame di stato per Avvocati e Commerialisti?
    Il cliente sceglie il professionista, dobbiamo mantenere le caste più potenti?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.