Brand italiani più forti: Ferrari e Gucci ancora in testa, la classifica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Ferrari e Gucci ancora in testa nella classifica dei brand. La casa di moda e il Cavallino rampante conquistano ancora una volta la vetta della Brand Finance Italy 50, i principali marchi italiani ordinati per valore economico e per la forza con cui influenzano le scelte dei consumatori.

Ferrari è il brand più forte in Italia, e il secondo nel mondo (scalzato quest’anno dal primo posto della Global 500 dalla cinese WeChat). Gucci è quello che vale di più. Pur essendo da anni di proprietà del gruppo francese Kering, continua a essere considerato un marchio italiano, espressione del made in Italy. L’azienda ha sede a Firenze e mantiene in Italia creatività e attività produttive.

La classifica per valore economico

Nella top 50 del 2021 i brand italiani perdono complessivamente il 12% del valore economico, a causa della pandemia. In totale valgono 125 miliardi di euro. Sono in forte crescita Barilla (13,6%), Nutella (12,7%) e Valentino (10,3%). Giù invece, in termini di valore, Parmalat, Maserati e Bottega Veneta.

Gucci vale 13,28 miliardi di euro, in calo del 16,6% rispetto al 2020, soprattutto per la crisi da Covid che ha colpito l’abbigliamento di lusso. Ma continua ad avere un rating AAA+ e ad essere quindi tra i brand più forti del mondo. Sul podio si conferma anche Enel, al secondo posto con un valore di 10,18 miliardi. Ferrari sale in terza posizione, superando Eni (4°), con 7,87 miliardi. Seguono Generali, Intesa Sanpaolo, Poste, Tim, Conad e Ray-Ban.

In classifica, un marchio su quattro appartiene al settore moda. Il comparto bancario-assicurativo pesa quasi il 20%. Tanti anche i brand di auto (11%), utility e food (entrambi al 9%). Meno rilevanti telecomunicazioni, retail, oil&gas.

I brand più forti

La forza del brand Ferrari rimane quasi invariata rispetto al 2020, con un punteggio che passa da 94,1 a 93,9 e un rating AAA+. Moncler supera Poste e Gucci, rispettivamente al 4° e 3° posto, conquistando così la seconda posizione. La top 10 prosegue con UnipolSai, Intesa Sanpaolo, Maserati, Lamborghini, Kinder e Barilla.

Gli italiani nella Global 500

Solo 8 marchi italiani appaiono anche nella classifica globale 2021, tra i 500 maggiori del mondo per valore. Sono Gucci, Enel, Ferrari, Eni, Generali, Intesa Sanpaolo, Poste Italiane, Tim. Pesano circa l’1% sul totale.

«Il numero e il valore di questi brand non rispecchia il ruolo che l’Italia, ottava economia per Pil, ha nel panorama internazionale. Per non perdere terreno, le imprese italiane dovrebbero investire maggiormente sui propri marchi» scrive Brand Finance nel suo report. A dominare la Global 500 sono Apple, Amazon e Google.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.