Tentata concussione nei confronti di un custode giudiziario: nei guai 30enne

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno, lo scorso febbraio,  eseguivano un arresto in flagranza di reato nei confronti di M.G.D., trentenne di Baronissi, colto nell’atto di ricevere indebitamente, per conto di terzi suoi mandanti, la somma di 17 mila euro, consegnatagli da un imprenditore edile a seguito di pressanti richieste provenienti da parte dei predetti.

11 titolare dell’attività economica in argomento aveva in corso, presso l’Uffìcio Esecuzione Immobiliare del Tribunale Civile di Nocera Inferiore, una procedura esecutiva immobiliare che aveva portato al pignoramento in suo danno di n. 5 immobili, nel corso della quale era stato destinatario di insistenti richieste di denaro da parte di pubblici ufficiali nominati ausiliari del Giudice dell’Esecuzione.

Le indagini svolte prima e dopo il suddetto arresto dalla Guardia di Finanza sotto la direzione del Sostituto Procuratore Dott. Angelo Rubano e del Procuratore Dott. Antonio Centore consentivano di acquisire concreti elementi circa la sussistenza del reato di concussione commesso dal custode giudiziario C.R. e dal consulente tecnico d’ufficio C.S. – nominati dal locale Tribunale nell’ambito della menzionata procedura – in concorso con il trentenne M.G.D. che materialmente ritirava per loro conto il denaro in contanti in esecuzione dell’accordo illecito.

Nell’immediatezza dei fatti, il G.I.P. emetteva solo misura interdittiva nei confronti del consulente tecnico C.S. mentre riteneva insufficienti i riscontri con riguardo al custode giudiziario C.R. ed al predetto M.G.D., che riteneva avesse agito in buona fede nel ricevere le somme di denaro.

Da ultimo, in seguito ad appello cautelare proposto dalla Procura della Repubblica, il Tribunale del Riesame ha ritenuto la sussistenza della gravità indiziaria anche per M.G.D. e per il custode giudiziario C.R., nei confronti del quale ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari, che potrà essere eseguita dopo la definitività del procedimento cautelare, qualora l’interessato dovesse proporre ricorso in Cassazione.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Speriamo che inoltre i predetti nominativi siano stati almeno depennati dagli elenchi dei consulenti tecnici d’ufficio e dei custodi giudiziari.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.