Effetto Covid, con smart working si va via dalle città: come cambia il mercato immobiliare

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il lavoro a distanza, innescato su larga scala dalla pandemia, sta già modificando il settore di case e uffici. In molti hanno scelto di spostarsi verso i piccoli paesi, magari in aree interne, dove la vita non è frenetica e non mancano ampi spazi o giardini. Anche Confedilizia ha confermato che la tendenza dei trasferimenti lontano dai grandi centri ma in abitazioni più grandi e con spazi aperti è già in corso

Tra i molti modi di essere applicato, ha avuto una conseguenza non proprio nascosta sulle città italiane: la fuga verso i piccoli paesi, magari in aree interne, dove la vita non è frenetica e dove non mancano ampi spazi o giardini. Ma dove lavorare da ‘remoto’ è naturalmente possibile

Il concetto è che dovendo lavorare da casa, lontano dall’ufficio, non è importante quanto sia quel “lontano”. Come spiega il presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa – la “tendenza è già avviata”

La fuga dalle città per “chi può farlo in tutto, o almeno in parte – ha messo in evidenza in un’analisi fatta per il Res Day ‘Real estate strategies’, e dedicata alla situazione del patrimonio immobiliare dopo un anno di emergenza da Covid-19 – “cambierà il mercato immobiliare, sia il comparto abitativo che quello non abitativo, del commerciale e degli uffici”

Due gli elementi da prendere in considerazione – che “già stanno accadendo e che accadranno sempre di più in futuro” – proprio perché case e uffici sono “due comparti” che “in Italia sono particolarmente legati, spesso intrecciati anche per la nostra conformazione storica”

Il primo, per “l’abitativo c’è una tendenza in corso, e vediamo come evolverà, a trasferirsi in piccoli centri, in abitazioni più grandi, con spazi aperti

La seconda è la riduzione degli spazi di lavoro in senso fisico e chi riduce invece soltanto gli spazi destinati a dipendenti e collaboratori e decide di dedicarli ad altro

Secondo Spaziani Testa, il trasferimento “nei piccoli centri, cosa che può comportare la rinascita di certe aree interne“, potrà avere “riflessi in termini di prezzi e del numero di compravendite sulle città piccole o medio grandi del nostro Paese”

Anche “la conferma di misure a favore dell’acquisto della prima casa da parte di giovani coppie potrebbe incidere in positivo”, rileva Spaziani Testa, ricordando che di questo se ne parla nel Def

E che pur non essendoci ancora testi legislativi, da un lato sarebbe nei fatti “un sostegno a chi non riesce ad affrontare l’acquisto per l’impossibilità di godere di una prima somma a disposizione”, cioè un anticipo, “arrivando così quasi a un finanziamento al 100%”

Dall’altro sarebbe, “anche sul piano psicologico, una spinta in più all’acquisto” della “prima casa attraverso una garanzia statale sulla parte che molti giovani non riescono a coprire”. In città o piccolo paese che sia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.