Truffa aggravata ai danni dell’Unione Europea: nei guai imprenditore agricolo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Stamane, in esecuzione del decreto di sequestro preventivo emesso dal Tribunale di Salerno – Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari, su conforme richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, militari del Reparto Carabinieri Tutela Agroalimentare di Salerno hanno proceduto a vincolare risorse finanziarie nonché immobili e terreni aziendali del valore complessivo di oltre 1 milione di euro, per accertata truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche a danno del Bilancio dell’Unione Europea.

L’esecuzione di tale sequestro costituisce l’epilogo di una lunga e mirata attività di indagine, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Salerno, che ha coinvolto un imprenditore agricolo, titolare di una importante azienda biologica operante nella Piana del Sele su una superficie di circa 70 ettari, specializzata nella produzione e commercializzazione di prodotti orticoli in serre.

In particolare, dalle indagini è emerso che l’imprenditore agricolo aveva falsamente dichiarato nella relativa domanda di aiuto di possedere i requisiti previsti dal bando di attuazione della Misura 121 del PSR Campania 2007/2013, ottenendo così indebitamente finanziamenti dall’UE destinati a sostenere il comparto agricolo.

Nello specifico, i riscontri fatti dai Carabinieri, anche attraverso l’analisi di copiosa documentazione acquisita presso i competenti Uffici regionali e comunali, hanno permesso di documentare che lo stesso imprenditore aveva realizzato un impianto serricolo ed opere agrarie connesse di circa 40.000 mq. nel comune di Montecorvino Rovella, in assenza della prescritta autorizzazione edilizia nonché su fondi in parte già oggetto di sequestro preventivo.

Le attività di contrasto agli illeciti percepimenti, finalizzate a tutelare le piccole e medie imprese agricole che, specie in questo grave periodo pandemico, riescono a sopravvivere grazie ai contributi erogati da parte del FEASR – Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale in seno al Programma di Sviluppo Rurale o PSR (principale strumento operativo di programmazione e finanziamento per gli interventi nel settore agricolo, forestale e rurale sul territorio regionale), costituiscono una delle prerogative storiche della specialità dell’Arma.

Fonte TvOggiSalerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Ok ottimo risultato, ma coloro che dovevano vigilare? Coloro che hanno elargito il finanziamento e a cui è stata presentata la documentazione? Dove sono il loro nomi? Carcere per loro ce ne sarà? Il cittadino medio, quello che lavora e paga le tasse per mantenere Giudici, Forze dell’Ordine ecc. ecc. si aspetta di vedere anche queste persone dietro le sbarre, unitamente all’imprenditore, ovvio, perchè è solo così che si estirpa il cancro

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.