Decreto Sostegni, previsto fondo per aiutare genitori separati con assegno di mantenimento

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un emendamento riformulato e approvato dalle commissioni Bilancio e Finanze del Senato prevede l’istituzione di un fondo da 10 milioni nel 2021 dedicato ai genitori lavoratori separati o divorziati che, in difficoltà economiche a causa del Covid, hanno problemi a garantire l’assegno. L’erogazione sarà fino a un massimo di 800 euro al mese

A prevedere il fondo è un emendamento al decreto Sostegni riformulato e approvato dalle commissioni Bilancio e Finanze del Senato

In questo momento, infatti, mentre il Consiglio dei ministri sta definendo il decreto Sostegni bis, in Parlamento si procede alla conversione in legge del primo decreto Sostegni: riguardo a quest’ultimo, la commissione congiunta del Senato Bilancio e Finanze nelle scorse ore ha dato il via libera a una serie di emendamenti

Il testo riformulato prevede, tra l’altro, l’istituzione del fondo dedicato ai genitori separati o divorziati

Per il 2021, quindi, verrà istituito un fondo da 10 milioni

Questo fondo servirà per l’erogazione di una parte o dell’intero assegno di mantenimento per i genitori in difficoltà

L’erogazione sarà fino a un massimo di 800 euro al mese

Sarà poi un decreto del presidente del Consiglio, di concerto con il ministro dell’Economia, a definire i criteri e le modalità di erogazione dei contributi: per il decreto ci sarà tempo al massimo 60 giorni dalla conversione in legge del Dl 41/2021

I dettagli, quindi, non ci sono ancora, ma il fondo interesserà i genitori lavoratori separati o divorziati che, a causa della pandemia, hanno cessato, ridotto o sospeso l’attività lavorativa, e hanno per questo interrotto il versamento dell’assegno di mantenimento

Grazie al fondo si provvederà all’erogazione dell’assegno di mantenimento non pagato, tutto o una parte, fino a un massimo di 800 euro

Con il fondo per i genitori separati o divorziati, così, il decreto Sostegni risponde alle esigenze di molte persone che in questi mesi, a causa dell’emergenza coronavirus, hanno avuto problemi con il lavoro e si sono trovate nella condizione di non riuscire a pagare l’assegno di mantenimento

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.