Ass. ‘Io Salerno’: Alfonso Menna – la verità sul Porto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
‘Suore…Suore…’ gridavano i soldati tedeschi entrati nella piccola piazza, della piccola frazione, del piccolo comune di collina, mentre, in lontananza, si udivano i cannoni dello sbarco. Avevano saputo dell’asilo gestito dalle ‘Ancelle della Carità’ e volevano utilizzarlo come infermeria.

Seduti davanti al grande fuoco, stavamo ad ascoltare il Nonno: ‘le Suore, però, erano state portate in un cunicolo, sotto la fornace, il cui ingresso era difficile da trovare anche conoscendolo’.

E, vedendo il nostro stupore: ‘E’ la verità, mi dovete credere. La guerra l’ho vista con i miei occhi. Non racconto frottole per impressionarvi. E, poi, sono vostro Nonno, perché dovrei ingannarvi?’.

Con il tempo, abbiamo imparato che, per davvero, a parte i racconti del Nonno, le ‘verità storiche riferite’ non sono sempre tali e che è bene verificarle, sia perché è facile ad una mente ‘fertile’ trasformare un episodio in una epopea, magari a sua maggior gloria, sia perché sono sempre i vincitori a scrivere la storia a danno dei vinti ai quali, spesso, non viene riconosciuto nemmeno l’onore.

All’incirca un mese fa, abbiamo pubblicato un ricordo del Sindaco Alfonso Menna e abbiamo parlato della sua forte azione politica a favore della rinascita della Città dopo la guerra e la disastrosa alluvione del 1954.

Per farlo, avevamo acquisito giudizi e ascoltato voci di terzi, non avendo ricordi diretti se non quelli del gran fermento che vedevamo in Città, senza capirne il perché.

Alcuni lettori hanno espresso dissenso, denunciando responsabilità del Sindaco per il ‘sacco edilizio’ e per la ‘costruzione del Porto al di sotto dell’Olivieri’. Quindi: le notizie da noi riferite erano verità o fantasie?

Sul primo punto, pensiamo sia sufficiente ricordare che quegli anni furono davvero segnati da una vorticosa attività edilizia sotto la spinta della volontà di ripresa dal disastro della guerra. Ma fu così dappertutto, a Napoli, a Roma, a Milano e in tantissime altre Città, grazie anche alla normativa ‘lasca’ della Legge Edilizia del 1942.

Infatti, solo nel 1967, proprio per frenare gli abusi, fu emanata la cd. Legge Ponte e solo nel 1968 quella sui piani regolatori e sugli standard che, da noi, vennero istituiti nel 1978. Ancora, solo nel 1971 venne promulgata la Legge sul cemento armato e nel 1974 quella sulle zone sismiche. Quindi, riteniamo possa ben sostenersi che i fabbricati ‘di troppo’ furono l’effetto soprattutto di una carente legislazione urbanistica. Almeno per la consiliatura di Alfonso Menna, chiusa nel 1970.

E’ appena il caso di far notare che, nei tempi successivi, pur con tutte le norme a tutela del territorio, dell’ambiente e dei beni comuni, le cose non sembra siano andate meglio. Vogliamo parlare di Sala Abbagnano, dei Picarielli, di San Leonardo e così via?

Su questo argomento, la ‘verità storica’ è contenuta in una evidenza incontestabile: nessuno ha mai disconosciuto l’onestà pubblica e privata di Alfonso Menna nella gestione della Città.

Le cose sono un poco più complesse per il Porto a Occidente.

Alcuni lettori tuttora sostengono che fu sua la decisione e che a lui debba essere addebitata la responsabilità della distruzione di un angolo di costa che la natura aveva creato per la nostra felicità.

Nella ricerca di nuove fonti, solide e ineccepibili, ci siamo imbattuti nel libro ‘Il Profeta della Grande Salerno’, di Gaetano Giordano e Mario Avagliano, che riporta interviste dirette con Alfonso Menna e che contiene un intero capitolo dedicato all’argomento: Fronte del Porto (pag. 171).

Racconta Menna: “La questione del porto è antica…ricordo il problema vistosamente presente in epoca fascista, col federale Carmine Sorgenti…a fare la spola tra Salerno e Roma per perorare la causa. Il risultato…fu la realizzazione della banchina 3Gennaio.

Ma i fondali erano scarsi, i grossi convogli non potevano entrare…i portuali lavoravano solo con lo sbarco del grano, del carbone, di poca altra roba. Era una lotta continua con i porti di Napoli e di Castellammare…C’era un grido che saliva spessissimo su da via Roma, o echeggiava dal fondo del Salone dei Marmi: ‘O puorto! ‘O puorto”. In effetti, aggiungiamo noi, tutti aspettavano il porto, in Città, viste le tante progettazioni susseguitesi tra il 1948 e il 1964.

Continua il ricordo: “Carmine De Martino fece del problema del porto…il suo cavallo di battaglia. Quando, su proposta dello stesso De Martino, si decise la costituzione di un Consorzio, mi sembrò più che opportuno farvi entrare anche il Comune, che contrasse un cospicuo mutuo…Successivamente, per ben due volte, ho ottenuto che si riunisse proprio a Salerno la Commissione per il sistema portuale”.

Prosegue: “Fiorentino Sullo, nella sua qualità di ministro dei Lavori Pubblici, presiedè a Salerno una lunga e accesissima discussione. Il contrasto (tra occidentalisti e orientalisti) era frontale. Sullo era per il potenziamento della struttura esistente. Il presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP., Rinaldi, pur essendo anche lui occidentalista, …propose di affidare un decisivo approfondimento del problema al rettore dell’Università di Padova, il professore Ferro, considerato il maggiore esperto italiano in materia. Si trasferì per oltre un mese a Salerno”.

Cosa disse il prof? Alfonso Menna riporta le sue parole: “Il porto si può realizzare anche sulla costa orientale, ma non c’è profondità, bisognerebbe inoltrarsi per chilometri, lottare con le correnti. La spesa sarebbe dieci volte superiore…molto difficilmente otterreste l’ingentissimo finanziamento necessario”.

Così, nel 1974, con delibera del Consiglio Superiore dei LL.PP. (n. 444 del 17/07/74) e successivo Decreto Interministeriale (n. 3233 del 10/12/74), fu approvata l’attuale configurazione (fonte: A.P.).

In sostanza, furono Sullo, De Martino e Ferro a far prevalere la tesi occidentalista. Ma, non furono i soli. Anche Gaspare Russo, Sindaco dopo Menna, si dichiarò d’accordo. E, diversi anni dopo, ha confessato al giornalista Tommaso D’Angelo di non rinnegare nulla del passato tranne “la realizzazione del porto commerciale ad occidente” (fonte: Le Cronache).

Così, sembra che la ‘verità’ sia venuta finalmente a galla anche per il Porto. Certo, si potrebbe contestare l’affidabilità della fonte per ‘evidente conflitto di interessi’, ma riteniamo che la credibilità delle dichiarazioni di Alfonso Menna trovi sufficiente conforto nella coesistenza dei due principi di cui ci parlò il Nonno: la ‘verità vera’ la può raccontare solo chi l’ha vissuta e chi davvero ci ama.

Bene, i suoi ricordi sono stati certamente vissuti in prima persona e, quanto ad amore per i cittadini e per quelli che chiamava ‘i figli di Salerno’, riteniamo abbia pochi rivali. Come il Nonno, per noi.

Ovviamente, accettiamo ogni contraria testimonianza supportata da scritti, commenti e dichiarazioni con differente ‘verità’.

Lo abbiamo detto l’altra volta: Alfonso Menna fu un gentiluomo che si prodigò per offrire un futuro migliore alla Comunità che amava e che non tradì nelle sue aspettative e nelle sue speranze, operando con equità e giustizia a difesa della coesione sociale.

Davvero, il suo impegno meriterebbe ben maggiore riconoscenza.

Questa Città ha bisogno di amore e, talora, anche di verità.

e.mail: associazione.iosalerno@gmail.com

pagina fb: Associazione io Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Io ho vissuto lì scempio di quell’angolo di Salerno che ci faceva parte integrante della costiera amalfitana.Bisogna ammettere l’incompetenza degli amministratori dell’epoca e tra questi Alfonso Menna.Un angolo di paradiso distrutto a favore di un porto mai decollato.All’epoca si diceva:(Se Salerno avesse il porto Napoli fosse morto).Non è mai stato così Napoli e il suo porto hanno continuato a esseri primi e noi abbiamo buttato a mare tutto quello che ci rendeva speciali di fronte a Napoli(l’essere parte integrante della costiera amalfitana conosciuta nel mondo)la costiera amalfitana.Mi dispiace dirlo ma senza Alfonso Menna e il suo benestare questo scempio non si sarebbe realizzato.Quindi in questo caso Menna dimostrò tutta la sua incompetenza (peccando anche di presunzione).Si diceva all’epoca:Se Salerno avesse il porto,Napoli fosse morto.Una cosa non vera,che un amministratore capace avrebbe dovuto capire.Mi dispiace .a purtroppo le responsabilità in questo scempio di Alfonso Menna sono evidenti e documentate dalla storia…!!!

  2. Nessuno mette indubbio onestà e moralità ma il voler per forza cercare di chiudere gli occhi su errori commessi è partigianeria. Volerli guardare col senno di poi ci sta, la zona orientale grida vendetta. Era uno scempio prima , controlli ediluzi zero, ed il terremoto lo ha fatto notare….dobbiamo contunuare? È stato sicuramente un grande sindaco che ha operato e chi ooera sbaglia. Non ammetterlo è solo una questione di politica. E questoimita la libertà di pensiero. Di critiche dell’epoca e successive ci sono , per onestà non continuate…

  3. Al di là dei buoni propositi, è proprio sotto la sua guida che la città ha subito i danni urbanistici peggiori, però resta un grande Sindaco di cuore, fu lui che si oppose strenuamente che l’università di Salerno non venisse delocalizzata, c’è una storia molto bella dei vani tentativi che mise in atto per non impoverire la città di Salerno della sua Università, oggi si vedono risultati di queste logiche nemiche e straniere, Fisciano è un recinto chiuso avulso dal tessuto cittadino, che impoverisce l’intera Provincia di Salerno che, è ormai diventata povera, povera di tutto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.