Raia (Pd): “Donne in gravidanza siano inserite tra i soggetti fragili per la vaccinazione Covid 19”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
“Ho raccolto le preoccupazioni espresse nella richiesta delle associazioni nazionali degli specialisti di ginecologia e ostetricia di inserire le donne in gravidanza tra i soggetti fragili per la vaccinazione contro il Covid 19 e ho presentato un ordine del giorno, che sarà discusso per l’approvazione al prossimo Consiglio regionale, per chiedere a De Luca di promuovere ogni utile iniziativa affinché il ministro Speranza accolga tale richiesta, al di là delle fasce d’età, per far sì che tutte le gestanti siano vaccinate più rapidamente possibile”.
Così dichiara la Vicepresidente del Consiglio regionale, Loredana Raia, che ha presentato un ordine del giorno per la prossima seduta dell’Assemblea legislativa.                                    “Ringrazio tutti i capigruppo che hanno sottoscritto l’ordine del giorno – continua la Vice Presidente – perché ritengo che sia doveroso tutelare la salute delle future mamme e dei nascituri, alla luce anche del fatto che i dati epidemiologici e gli studi scientifici  evidenziano chiaramente che l’infezione da COVID-19 in gravidanza influisce sia sull’andamento della gravidanza stessa che sul feto”.

“Per questo – conclude Raia – la prevenzione dell’infezione da COVID-19 nelle donne gravide deve essere considerata una priorità e la vaccinazione uno strumento centrale per proteggere le donne e di conseguenza i neonati”.

 

La Vicepresidente Loredana Raia

Ordine del giorno ai sensi dell’art. 123 comma 5 del Regolamento interno del Consiglio Regionale della Campania

Priorità vaccinazioni anti-SARS-CoV-2/COVID-19 donne in gravidanza

Premesso che

–          Con Decreto del Ministro della Salute del 02 gennaio 2021 è stato adottato il Piano strategico per la vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19;

–          Con Decreto del 12 marzo 2021 è stato approvato dal Ministero della Salute il Piano strategico nazionale dei vaccini per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2 costituito dal documento recante «Elementi di preparazione della strategia vaccinale», di cui al decreto 2 gennaio 2021 nonché’ dal documento recante «Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19» del 10 marzo 2021;

–          Con Ordinanza 9 aprile 2021 del Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica covid-19 e per l’esecuzione della campagna vaccinale nazionale sono state definiti gli  ordini di priorità per la vaccinazione anti Covid-19;

Considerato che

–          Con il documento recante «Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19» del 10 marzo 2021 sono state definite le categorie di popolazione da vaccinare e le priorità secondo il seguente schema:

 

Categoria 1. Elevata fragilità (persone estremamente vulnerabili; disabilità grave);

Categoria 2: Persone di età compresa tra 70 e 79 anni;

Categoria 3: Persone di età compresa tra i 60 e i 69 anni;

Categoria 4: Persone con comorbidità di età <60 anni, senza quella connotazione di gravità riportata per le persone estremamente vulnerabili;

Categoria 5: Resto della popolazione di età <60 anni.

–          Con la tabella 1, allegata al documento, sono state elencate le patologie e la condizione di disabilità grave tali da poter individuare le persone estremamente vulnerabili, intese come persone affette da condizioni che per danno d’organo preesistente, o che in ragione di una compromissione della risposta immunitaria a SARS-CoV-2 hanno un rischio particolarmente elevato di sviluppare forme gravi o letali di COVID-19 e che quindi hanno la priorità per la somministrazione del vaccino;

Vista

–          la richiesta inoltrata dal Presidente della Federazione SIGO e della SIGO Antonio Chiantera, dalla Presidente dell’AOGOI Elsa Viora, dal Presidente dell’AGUI, Nicola Colacurci e dalla Presidente A.GI.TE. (ff) Valeria Dubini al Ministro della Salute con la quale si chiede di considerare le donne in gravidanza persone fragili alle quali va fatta offerta attiva di vaccinazione, a prescindere dall’età e dalla condizione lavorativa e che ogni donna in gravidanza deve poter avere la possibilità di vaccinarsi contro il Covid;

–          Ritenuto, come si evince dalla richiesta, che i dati epidemiologici e gli studi scientifici evidenziano chiaramente che l’infezione da COVID-19 in gravidanza influisce sia sull’andamento dell’infezione da COVID sia sugli outcome materno-fetali della gravidanza stessa e che la prevenzione dell’infezione da COVID-19 nelle donne gravide debba essere considerata una priorità e che la vaccinazione rappresenta uno strumento centrale per proteggere le donne e di conseguenza i neonati;

Ritenuto pertanto che

–          alla stregua di quanto descritto, si ritiene urgente l’accoglimento della richiesta affinché le donne in gravidanza siano considerate popolazione fragile a prescindere dall’età e condizione lavorativa.

Tutto ciò premesso e considerato, il Consiglio Regionale

IMPEGNA

il Presidente della Giunta Regionale a farsi parte attiva presso il Ministero della Salute affinché la categoria delle persone estremamente vulnerabili di cui al documento recante «Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19» del 10 marzo 2021 sia integrata con le donne in gravidanza a prescindere dall’età e dalla condizione lavorativa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. vaccino in gravidanza??? veramente fate??? questi eminenti politici possono mostrarci PRIMA quali studi sono stati fatti sulla sicurezza di questa terapia genica a donne in gravidanza?? nome, cognome, titolo, data e dettagli degli studi effettuati sulla sicurezza, altrimenti questi politici andranno a finire direttamente in tribunale con denunce per omicidio colposo e una serie di altri reati. Ma non c’è da preoccuparsi, vero? questi studi li hanno sicuramente e li vedremo QUI pubblicati magari tra i commenti, giusto?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.