Rissa a Salerno, Borrelli: “Inquietanti le risate di chi ha filmato tutto”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
14
Stampa
“La rissa scatenata da decine di adolescenti a Salerno sabato sera, con due ragazzi accoltellati, è l’ennesima immagine di una violenza inaudita raggiunta da una fetta delle nuove generazioni.

Dai filmati che tanti cittadini ci hanno inviato, si nota un’aggressività tremenda, con tutti i protagonisti, fra l’altro, sprovvisti di mascherina, che si pestano senza ritegno, senza pensare alle conseguenze.

Ma la cosa più inquietante sono i video pubblicati sul web, con le risate di chi sta filmando, segno della deriva totale ormai di una certa parte di società che sembra non avere più rispetto per la vita”. Così Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde.

CLICCA QUI

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

14 COMMENTI

  1. andrebbero presi a schiaffi questi ragazzini senza eduzione. ma i primi a riceve i paccheri sono i genitori che li crescono maleducati e spocchiosi a cui tutto è dovuto e si credono di essere chissà chi. ragazzini e ragazzine allo sbando e che credono di essere già uomini e donne vissute per colpa di genitori incompetenti ma solo quatt muccus sono

  2. Tutt muccusiel che se creren buon vuagliunciell che avesser piglia ru padr tant buffuttun quant capilll che tenen ncap. Band e sciem

  3. … e mo’ voglio proprio vedere chi ha il coraggio di definirli…. “tifosi” ‼️ Sono solo dei delinquentucci da strapazzo…. ‼️ E che pagassero questi “grandi genitori” di questi geni….

  4. cioè fatemi capire, questi si picchiano e si accoltellano magari a morte e qualcuno parla, scrive e accusa per la museruola??!???!?? ma veramente fate?? mo pare che non mettersi la museruola è piu mortale delle coltellate.. state da fuori a livello di plagio mentale. O pure il fatto che stessero filmando, mo la colpa è di chi filma??? supersborriello che avrebbe fatto? con la supertuta e la supermuseruola avrebbe sparato un fascio di onde e li avrebbe congelati tutti?
    Ma seriamentee, non spostiamo il problema su cose che non c’azzeccano niente.

  5. La famosa socializzazione dei nostri giovani che hanno il sacrosanto diritto alla movida e bla bla bla… questi in un solo posto meritano di stare: nel cesso!!!

  6. Stiamo tirando su una generazione di idioti completamente rimbambiti dai social e da generi musicali che esaltano comportamenti spavaldi e delinquenziali. Scene come queste se ne sono viste a Roma, a Milano e a Torino ma noi non avevamo ancora fatto in tempo a digerire la vicenda Grassadonia e le immagini dei locali vandalizzati durante i festeggiamenti per la serie A che dobbiamo sorbirci anche questo. Che poi la nostra città stia attraversando una fase di imbarbarimento e degrado generalizzato, quello è chiaro.

  7. ma dove siete vissuti fino ad ora? cosa c’entra la movida, Eusebio? quindi se vengo a casa tua e spacco i bicchieri vuol dire che autorizzi la stampa a dire che Eusebio è un pazzo che spacca bicchieri e deve chiudere casa?

  8. Mettere in galera i genitori, sono la feccia della società dove per colpa anche dello stato e della scuola alleva per fortuna pochi casi umani ragazzi che non servono alla società, le forze dell’ordine in tutto questo non esistono, periodo COVID mai un controllo che vergogna

  9. Non faccio nomi ma, pensate un po’ a chi continuamente con sberleffi, ironie, parole aggressive e arroganti prende in giro una volta uno, e uno volta un altro. In particolare anche quelli della sua stessa squadra. Un esempio di prevaricazione continua senza contraddittorio, portato al successo, addirittura, nazionale. Che comanda anzichè governare.
    Questi esempi, sulle menti deboli e poco acculturate, portano a degli effetti devastanti, per se stessi e per gli altri

  10. Quale generazione stiamo tirando su fammi capire? Non voglio difendere questi ragazzi, ma magari anche la tua generazione faceva le risse o no? Soprattutto dove è avvenuta questa rissa, in passato ne sono capitate molte a largo campo, e chi è di Salerno o la frequenta lo sa. La cosa che è cambiata è che ogni volta che succede qualcosa, questa viene ripresa con il cellulare. C’è molta più divulgazione, viene postato tutto sui social o su youtube.
    In sintesi anche prima si facevano le risse, soltanto che nessuno ne parlava perchè internet non esisteva.
    Smettiamola di dire sempre: “giovani qui/genitori qua. Tutti siamo stati giovani.

  11. Sottoscrivo in pieno il post delle 7.27 di Un pensiero. Aggiungeteci i mancati controlli serali da parte delle forze dell’ordine lasciando quindi la città in balia dei nuovi giovani barbari ovvero tanti gruppi di ragazzotti ignoranti e saccenti di cui nè le famiglie nè la scuola hanno saputo prendersi cura e che costituiscono il brodo di coltura ideale per certi politici nostrani e la frittata è fatta…………………
    L’esempio viene sempre dall’alto e quando il pesce puzza dalla testa i risultati non possono essere altro che questi ed è perfettamente inutile scandalizzarsi dopo!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.