OMS: lavorare oltre le 55 ore settimanali aumenta il rischio di morire

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Lavorare più di 55 ore alla settimana non fa bene alla nostra salute, aumentando il rischio di decesso. È quanto sostiene una ricerca dell’OMS e dell’Organizzazione internazionale del lavoro, pubblicata oggi su Environment International. In particolare la probabilità di incorrere in un ictus aumenta del 35%, mentre per una cardiopatia ischemica del 17%, se paragonata ad una settimana lavorativa di 35-40 ore.

Nel mondo il lavoro eccessivo ha causato 745’000 decessi per ictus o cardiopatia ischemica nel solo 2016, con un aumento del 29% rispetto al 2000. Attualmente il 9% della popolazione è caratterizzata da un carico di lavoro eccessivo. È stato stabilito che lo stress lavorativo corrisponde al fattore di rischio con il più grande carico di malattie rofessionali. Ciò potrebbe cambiare la prevenzione sul luogo di lavoro, aggiungendo un fattore psicosociale.

Ad essere colpiti sono soprattutto gli uomini (72%), in particolare coloro che vivono nelle regioni del Pacifico occidentale e nel sud-est asiatico. La maggior parte delle persone decedute, e che lavoravano per più di 55 ore a settimana, aveva tra i 45 e i 74 anni. Anche se la ricerca prende in esame il periodo prepandemico, il rischio è che con l’emergenza causata dal Covid-19 abbia contribuito a peggiorare la situazione di molte realtà lavorative.

Lo ha rivelato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS che ha dichiarato: “La pandemia ha cambiato in modo significativo il modo in cui molte persone lavorano. Il telelavoro è diventato la norma in molti settori, spesso offuscando i confini tra casa e lavoro. Inoltre, molte aziende sono state costrette a ridimensionarsi per risparmiare denaro, e le persone che sono ancora sul libro paga finiscono per lavorare per più ore. Nessun lavoro vale il rischio di ictus o malattie cardiache. Governi, datori di lavoro e lavoratori devono lavorare insieme per concordare i limiti per proteggere la salute dei lavoratori”.

Consigli quegli del direttore generale dell’OMS che dovrebbero essere presi immediatamente in considerazione dalle imprese, sottolinea Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, perchè è un dato di fatto che rendere migliore l’esistenza dei propri dipendenti ha effetti benefici certi anche per le aziende

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.