Bollette pazze per l’acqua in Campania, vittoria dell’Unione Consumatori 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Vittoria dell’Unione Nazionale Consumatori contro uno dei tanti comuni campani, della provincia di Caserta, che pretende dai propri cittadini il pagamento di bollette dell’acqua ormai prescritte, essendo relative agli anni 2015, 2016 e 2017, a fronte di una legge, la n. 205/2017 che prevede, per le fatture con scadenza successiva al 1° gennaio 2020, la prescrizione dopo 2 anni dall’emissione.

Lo Sportello del consumatore di Arera, l’Autority competente in materia, gestito da Acquirente Unico, non solo ha ribadito che le bollette sono prescritte, chiedendo l’applicazione delle misure conseguenti, ma ha richiesto al Comune di Prata Sannita, entro 20 giorni, anche l’erogazione, per via del mancato rispetto delle prescrizioni, di un indennizzo automatico pari a 90 euro da corrispondere ad ogni singolo consumatore ricorrente (quasi 200), oltre a minimo 30 euro in caso di mancata risposta ai vecchi reclami relativi alla prescrizione, e, infine, 30 euro per ogni anno in cui gli utenti non hanno ricevuto le due bollette all’anno che Arera pretende dai gestori come standard minimo di qualità, ossia dal 2017 al 2020.

“Una vittoria su tutta la linea. E’ incredibile che un comune che dovrebbe fare gli interessi dei suoi concittadini, ignori le leggi dello stato italiano e neghi i loro diritti” afferma l’avv. Ivana Russo, dell’Unione Nazionale Consumatori che sta seguendo la vicenda.

“Ora dovrà indennizzare ogni consumatore che ha presentato reclamo con un minimo di 90 euro, che potrebbero però arrivare anche a 240 euro a testa. Una scoppola non indifferente che graverà su tutta la collettività. Per questo ci riserviamo di presentare anche un esposto alla Corte dei Conti, perché accerti se vi sia stato un danno erariale, sia per il mancato introito delle fatture inviate con anni di ritardo, sia rispetto a questa spesa aggiuntiva dovuta solo all’ostinazione con cui sono stati negati i diritti sacrosanti dei consumatori” conclude Russo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.