Sarno: violenta rissa tra immigrati, spunta anche un’ascia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Si azzuffano prima con le mani, poi con i cocci di bottiglia e infine con un’ascia: paura nella tarda serata di venerdì nella centralissima via Laudisio a Sarno (zona centro storico) dove una violenta rissa tra immigrati ha turbato la tranquillità di residenti e passanti. Intorno alle 22, davanti a un bar, infatti, sono volate prima parole grosse, poi spintoni.

Erano in tre ma c’è chi avrebbe testimoniato che alla lite avrebbero partecipato altre persone. Sarà materia degli agenti del locale commissariato portare a galla la verità, sia come numero di partecipanti che per il motivo. Due feriti sono finiti al pronto soccorso del Martiri del Villa Malta. Forse presi dai fumi dell’alcol hanno cominciato a suonarsele di santa ragione. Tra pugni e calci sono spuntati i cocci di bottiglia con i quali i tre si sono feriti sul corpo.

E quando un immigrato stava prendendo il sopravvento nei confronti dei rivali, è spuntata fuori un’ascia con la quale si è tentato di colpire violentemente un partecipante alla lite. Colpito di striscio, l’immigrato è riuscito a mettersi al riparo evitando così conseguenze più gravi.

I residenti di via Laudisio hanno allertato le forze dell’ordine pensando che la situazione potesse degenerare ulteriormente. Sul posto sono giunti gli agenti di Polizia del locale Commissariato di Sarno che hanno raccolto testimonianze e immagini di telecamere di esercizi commerciali per capire innanzitutto i motivi della lite e stabilire in realtà quante persone hanno partecipato alla zuffa. Due feriti lievi hanno fatto ricorso alle cure mediche dei sanitari del Martiri del Villa Malta per lesioni ed escoriazioni, causate dalla violenta rissa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Questa notizia e’ sicuramente falsa. Gli immigrati, specie gli africani, ci portano il progresso, la civilta’ e la cultura. Inoltre, abbiamo urgente bisogno di lavoratori, i nostri non bastano.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.