Covid, dalla zona bianca ai vaccini in vacanza: le proposte delle Regioni al governo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Dalle regole in zona bianca alla possibilità dei vaccini fuori dalla proprio regione. Sono stati diversi i temi trattati nella riunione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, convocata per oggi dal Presidente Massimiliano Fedriga

Oggi si è anche tenuto un incontro fra il ministro della Salute Roberto Speranza e il presidente della Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga a cui hanno partecipato anche Giovanni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute e Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di Sanità. Nel corso del confronto è stata discussa e condivisa una linea di azione per le zone bianche che sarà poi recepita in una prossima ordinanza del Ministro

Sulle zone bianche, la linea di azione proposta dalle Regioni è condivisa con il governo: la proposta prevede che – fermi restando i criteri base della prevenzione, mascherine, distanziamento, areazione e sanificazione luoghi chiusi – una volta che una Regione entri nella zona bianca, si possano anticipare “al momento del passaggio in zona bianca delle riaperture delle attività economiche e sociali per le quali la normativa vigente dispone già la riapertura in un momento successivo”

L’idea era quindi chiedere di anticipare, fin da subito, l’apertura di tutte le attività economiche, comprese le discoteche. Durante la riunione dei governatori era stato chiesto di riaprirle ma questa proposta non è stata accolta. In vista dell’estate i governatori chiedono invece che sia possibile andare a ballare, ma soltanto con il green pass. E dunque di seguire lo stesso protocollo già autorizzato per i banchetti seguenti alle cerimonie civili e religiose. Ma al momento questo non è stato accordato

Per questa fascia viene anche precisato il “superamento delle limitazioni orarie alla circolazione e alle attività”, fermo restando il rispetto degli obblighi sull’utilizzo delle mascherine e il “distanziamento per scongiurare gli assembramenti”

L’ipotesi di istituire un coprifuoco alle 24 è stata quindi definitivamente scartata mentre per le norme anti-assembramento, viene fatto sapere, ci sono già e verranno discrezionalmente applicate laddove serve

Inoltre, si precisa nel documento, “il riferimento per lo svolgimento delle attività è quello delle ‘Linee guida per la riapertura delle attività'”

Per quanto riguarda i vaccini, l’ipotesi su cui convergono le Regioni dopo il vertice di oggi, è quella di “garantire il vaccino a chi va in vacanza fuori regione per periodi lunghi, almeno dalle tre settimane in su”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected]gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.