Bonus affitti, credito d’imposta per le imprese: allargata la platea ed esteso il periodo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Nel decreto Sostegni-bis approvato dal governo guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi sono contenute alcune novità che riguardano il bonus affitti 2021, il credito d’imposta al 60% dei canoni di locazione di immobili ad uso non abitativo. Ecco quali sono

Le nuove misure sono contenute nell’articolo 4 del decreto Sostegni-bis dal titolo “Estensione e proroga del credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda”

Il credito d’imposta sugli affitti pari al 60% spetta a tutte le attività che hanno un fatturato fino a 15 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019 (secondo periodo d’imposta precedente a quello in corso nel maggio 2021)

Per accedere al bonus affitti per le imprese è necessario anche che fra l’1 aprile 2020 e il 31 marzo 2021, l’attività abbia subito una riduzione media mensile dei ricavi pari ad almeno il 30% rispetto ai 12 mesi precedenti

Sono quindi due le modifiche, rispetto alla norma del 2020 sul bonus affitti per le imprese, che dovrebbero allargare la platea dei beneficiari. In precedenza, infatti, il tetto dei ricavi era fissato a 5 milioni di euro e il calo del fatturato doveva essere almeno del 50%

Il decreto Sostegni-bis ha inoltre stabilito che il bonus sotto forma di credito d’imposta al 60% spetta per i canoni di affitto versati da gennaio a maggio 2021

Il bonus affitti spetta a: soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, gli enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti

Regole diverse sono previste per le aziende che hanno iniziato l’’attività a partire dal primo gennaio 2019. Per queste ultime, infatti, non è necessario avere il requisito delle perdite pari almeno al 30%. Ma per il riconoscimento del credito d’imposta devono comunque avere un fatturato massimo di 15 milioni di euro nel 2019

Criteri meno rigidi sono previsti anche per le imprese turistico-ricettiveagenzie di viaggio e tour operator. Il bonus affitti, in questo caso, è prorogato al 31 luglio 2021 (dal precedente 30 aprile). Non c’è un il limite relativo al fatturato. L’agevolazione spetta per le mensilità con perdita di compensi o ricavi pari ad almeno il 50% sullo stesso mese del 2019

Il credito d’imposta è cumulabile con il contributo a fondo perduto per esercenti attività d’impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 15 milioni di euro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.