Convid: ecco cosa cambia da lunedì per alcune Regioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ci siamo. Con gli ultimi dati sulla diffusione del Covid-19 in Italia, la Cabina di regia ha le idee chiare: Sardegna, Molise e Friuli-Venezia Giulia passano in zona bianca da lunedì 31 maggio, essendo trascorse le tre settimane consecutive con incidenza sotto i 50 casi per 100mila abitanti

Rispettivamente, l’incidenza delle tre Regioni è di 13, 12 e 17 casi di coronavirus per 100mila abitanti. Per questi territori il livello di rischio è dunque basso e la pressione sugli ospedali si è ridotta notevolmente

Manca ancora del tempo, invece, per Abruzzo, Liguria, Veneto e Umbria, che da due settimane sono scese sotto quota 50. Se i futuri dati confermeranno il trend in atto, per loro la zona bianca si spalancherà dal prossimo 7 giugno

Se l’andamento dei contagi rimarrà tale, il 14 giugno sarà la volta di Lombardia, Piemonte, Lazio, Emilia-Romagna, provincia autonoma di Trento e Puglia. Il monitoraggio di domani, 28 maggio, segnalerà per loro il traguardo di meno 50 casi su 100mila abitanti per la prima settimana

Secondo l’elaborazione del sito Quotidiano Sanità, condotta sulla base del bollettino odierno, attualmente ci sono dodici Regioni e una provincia autonoma (quella di Trento) con dati da zona bianca. L’incidenza nazionale si attesterebbe a 46 casi ogni 100mila abitanti

LE REGOLE – L’accordo verrà recepito in un’ordinanza del ministero della Salute. Ma cosa prevede? Anzitutto il superamento del coprifuoco e la riapertura anticipata di attività economiche e sociali già in calendario per le altre zone

Dalle cerimonie di matrimonio ai parchi tematici, dai congressi alle piscine al chiuso, nessuna serranda – o quasi – dovrebbe restare abbassata nelle zone bianche. Confermate mascherine e distanziamento

DISCOTECHE – Rimane il nodo di discoteche e sale da ballo. Si discute sulla possibilità di riaprirle consentendo l’ingresso a chi è in possesso del Green pass, salvo l’applicazione di ulteriori provvedimenti anti-assembramento ritenuti necessari dalle Regioni

VACCINI – E infine c’è una nuova proposta dei governatori sottoposta all’attenzione del Commissario straordinario per l’emergenza Figliuolo, quella di “garantire dosi a chi va in vacanza fuori Regione per periodi lunghi, almeno dalle tre settimane in su”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.