Calo contagi: tre regioni in zona bianca da lunedì, ecco cosa si potrà fare

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Le nuove disposizioni per la bianca saranno messe nero su bianco venerdì 28 maggio, giorno di monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute. Sulla base dei dati del report, il ministro della Salute, Roberto Speranza firmerà le ordinanze con i nuovi colori e le regioni bianche. Le nuove regole delle zone bianche saranno poi riportate tra le FAQ del Governo relative alle disposizioni in vigore.

Le prime regioni ad accogliere queste novità potrebbero essere Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Molise, che dovrebbero avere i numeri per entrare in fascia bianca da lunedì 31 maggio o alle brutte da martedì 1 giugno.

Ci sono almeno altre 10 Regioni che, stando alle previsioni, hanno dati da zona bianca e che dovranno essere mantenuti per 3 settimane consecutive per consentire il passaggio dalla zona gialla alla zona bianca. Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto sono alla seconda settimana e dal 7 giugno potrebbero passare in bianco, mentre la Lombardia, l’Emilia Romagna, il Lazio, il Piemonte, la Puglia e la provincia di Trento potrebbero passere nella zona senza restrizioni dal 14 di giugno.

Non ha ancora dati da bianca ma ha un’incidenza comunque bassa la Sicilia (53 casi ogni 100mila abitanti) anche se al momento è l’unica regione dove ci sono zone rosse: si tratta di 4 comuni in provincia di Palermo – Geraci Siculo, Lercara Friddi, San Cipirello e Vicari – che saranno in lock-down fino al 3 giugno.

Cosa si può fare in zona bianca

Nelle regioni bianche non ci sarà l’orario di rientro a casa e potranno riaprire in anticipo alcune attività ancora chiuse per decreto (decreto-legge 18 maggio 2021).

Restano in vigore anche in zona bianca il divieto di assembramento, l’obbligo di distanziamento interpersonale, l’uso obbligatorio della mascherina all’aperto quando non si può mantenere la distanza e al chiuso nei luoghi pubblici, la sanificazione nei luoghi chiusi e l’aerazione, oltre all’adozione dei protocolli di sicurezza previsti per i differenti settori.

Tra le novità, riaprono parchi tematici e di divertimento, sale da gioco, scommesse, bingo, casinò e piscine al chiuso, che in zona gialla riaprono dal 1° luglio. Ripartono gli spettacoli anche itineranti, le fiere e le manifestazioni, i matrimoni e le altre cerimonie (festeggiamenti consentiti dal 15 giugno in zona gialla).

In zona bianca è consentito l’utilizzo delle docce nelle palestre e non sono previsti ingressi contingentati nei mercati all’aperto e sulle spiagge libere.

Nelle zona bianca possono riaprire anche le discoteche ma senza ballare. Si potrà ascoltare la musica, mangiare e bere. Ma sarà vietato stare sulla pista.

A tal proposito il commissario per l’emergenza Covid-19 Francesco Figliuolo ha inviato al Comitato tecnico scientifico e alla Conferenza delle Regioni il protocollo messo a punto dal Sindacato dei gestori dei locali (Silb) chiedendo di valutare la possibile riapertura in sicurezza proprio sulla base delle indicazioni contenute nel documento tecnico e, soprattutto, di considerare l’ipotesi di vaccinare i più giovani proprio all’interno dei locali, una proposta avanzata dal sindacato che aveva dato la disponibilità
ad organizzare degli open day.

Si deciderà nelle prossime settimane, anche alla luce dell’esito dei due test event che si terranno probabilmente il 12 giugno al Praja di Gallipoli e il Fabrique di Milano con una serie di regole che, in attesa del green pass, saranno valide per tutti i locali: tampone nelle 36 ore precedenti l’ingresso in discoteca, biglietti limitati, acquistabili solo online e sbloccati solo dopo l’esito del test, nuovo tampone sei giorni dopo l’evento.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.