Pandemia, Confesercenti analizza gli effetti sui consumi (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“L’impatto della pandemia sui consumi, che valgono il 60% del PIL, avrà conseguenze su tutto il sistema Paese.

L’economia della distanza, inoltre, ha messo le ali all’eCommerce e rischia di incidere negativamente sulle attività di prossimità, che rendono vive e sostenibili le nostre città”.

Questo il commento di Patrizia De Luise, presidente di Confesercenti, sui dati emersi dalle elaborazioni effettuate dalla sua associazione su dati Istat.

Tra pandemia e restrizioni, nel 2020 la spesa degli italiani è scesa di 123 miliardi, per un calo di circa 5mila euro a famiglia: il peggiore di sempre nella storia della nostra Repubblica. La flessione più rilevante dei consumi afferisce la voce Alberghi e Ristoranti, con circa 43 miliardi di euro, pari a -120 milioni al giorno.

Ma “l’economia della distanza” innescata dal Covid pesa su tutte le spese connesse alla socialità e al movimento, a partire dai trasporti che registrano il secondo calo per entità (-33 miliardi di euro).

La mannaia della crisi ha drammaticamente tranciato pure le spese in ricreazione, cultura e moda. Durante lo scorso anno, gli italiani hanno ridotto i consumi di abbigliamento e calzature di 13,2 miliardi. In discesa anche la spesa per la salute (-2,3 miliardi), mentre calano anche gli investimenti in istruzione (-1 miliardo, circa).

L’out alla fruizione di bar e ristoranti ha favorito l’incremento della spesa dei prodotti alimentari, di quasi 3 miliardi; in crescita pure quella inerente alle comunicazioni, nella quale sono inclusi dispositivi informatici, canoni telefonici rete dati. Un aumento che vale 625 milioni.

Naturalmente, la maggiore permanenza presso i propri domicili ha fatto lievitare gli importi delle bollette: i costi sostenuti per l’abitazione, l’acqua, l’elettricità e gli altri combustibili nel 2020 sono cresciuti di 1,4 miliardi circa.

È la riduzione di redditi registrata nell’anno della pandemia una delle principali concause del crollo dei consumi. -90 miliardi e oltre tra lavoro autonomo e dipendente, ma anche i redditi di capitale sono scesi di -6,4 miliardi di euro a causa della riduzione dei tassi di interesse. Un buco recuperato solo in parte dalla politica economica mediante il sostegno fornito con le prestazioni sociali (+37,6 miliardi).

Secondo la leader di Confesercenti, serve una riforma per dare slancio alla ripartenza delle imprese e per liberare risorse delle famiglie, considerando pure che l’ultimo adeguamento degli scaglioni Irpef all’inflazione è avvenuto quasi 15 anni fa. Ma occorrono anche un ulteriore alleggerimento del costo del lavoro e un grande piano di formazione per le competenze digitali.

Soprattutto, c’è bisogno di perseguire ancora una politica di sostegno ai settori che si sono impoveriti durante la crisi pandemica: imprese micro e piccole, e autonomi, che hanno lasciato per strada reddito e capitale.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.