Zangrillo e il virus che «non esiste più»: un anno dopo “Non mi rimangio nulla”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa

“Oggi è il 31 maggio 2020… Il coronavirus, dal punto di vista clinico, non esiste più”. Il professore Alberto Zangrillo, direttore della Terapia intensiva del San Raffaele, esattamente un anno fa pronunciava una frase che ha scatenato polemiche e discussioni. 365 giorni dopo lo specialista è tornato su quelle parole e, a L’aria che tira su La7, ha ribadito quanto affermato all’epoca (e a settembre): il virus è clinicamente morto: “Io non mi pento di quanto ho detto un anno fa. Io ho semplicemente fotografato la realtà” ha detto Zangrillo.

“Quella mia frase è stata oggetto di miserabili speculazioni da parte di tristi personaggi in quotidiana e affannosa ricerca della ribalta mediatica, ho dato da mangiare loro per un anno e dopo un anno siamo qua. Quel che accade oggi è esattamente quello che è accaduto un anno fa: la differenza fondamentale ora sono i vaccini. Però non dobbiamo dimenticarsi una cosa fondamentale: la cura, che deve partire innanzitutto dal territorio e non dagli ospedali. Se ci chiudiamo nel fortino dell’ospedale abbiamo perso in partenza”.

“Il 20 aprile” dell’anno scorso “dissi che dobbiamo imparare a convivere con il virus, non lo dico. Non sappiamo quanto i vaccini ci tuteleranno, auspichiamo tutti in grande misura. Ma siccome i virus circolano, bisogna identificarli nelle persone e bisogna curare i pazienti tempestivamente. Resto ottimista se diamo spazio alle misure che hanno reso grandioso il nostro sistema sanitario nel mondo. Ci siamo fatti del male da soli dipingendo un numero di morti superiore a quello di altri paesi che hanno semplicemente contato in modo diverso”, ha poi aggiunto Zangrillo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. buffone, pensa ai morti che ci sono stati e pulisciti la bocca con la carta igienica prima di offendere chi ha avuto lutti per sto maledetto virus.

  2. la realtà .….. il vairus esiste….. il paranoico negazionista runnerizzato andrebbe curato in ospedale ….. non lasciato da solo a farneticare….. oppure organizziamoci un viaggio in Brasile ….. dal suo amico Bolsonaro.

  3. L’anno scorso il virus è andato via, quest’anno farà lo stesso, come tutte le influenze. Però quest’anno ci sono i vaccini ed il merito è loro…..Zangrillo unica voce controcorrente che non si è mai venduta al sistema.

  4. 1) Per Zangrillo il vairus esiste, caro testicolino negazionita ….
    2) A Settembre 2020 prima figura di merda….
    3) Capra come mai nel 2020 ci sono stati 90.000 mila morti il più in Italia?
    Rispetto al quinquennio precedente e con numeri simili alla seconda guerra mondiale?
    Inutile….questa è la realtà, caprone collega il cervello a dati reali e chiediti il perché sei ottuso.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.