Covid, studio italiano: così il sole distrugge il Coronavirus in pochi secondi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
“Abbiamo dimostrato che raggi Uva e Uvb del sole nel giro di poche decine di secondi uccidono completamente il Sars-Cov-2”. Lo afferma Mario Clerici, docente di Patologia generale all’Università Statale di Milano e direttore scientifico dell’Irccs di Milano Fondazione Don Gnocchi, autore, insieme al gruppo di ricerca dell’Istituto nazionale di astrofisica, di uno studio tutto italiano pubblicato oggi in preprint.

“Questo studio – spiega Clerici all’Adnkronos Salute – è essenzialmente il seguito di un precedente lavoro che avevamo fatto l’anno scorso quando avevamo visto che i raggi Uvc che sono una componente dei raggi solari che però non arriva sulla terra, uccidevano il Sars-Cov-2 dopo un’esposizione di pochi secondi. Però gli Uvc – ribadisce Clerici – non arrivano sulla terra, quindi quei dati erano importanti solo da un certo punto di vista. Adesso, abbiamo visto che anche gli Uva e Uvb che sono i raggi che arrivano sulla terra, ci abbronzano e ci riscaldano, nel giro di poche decine di secondi uccidono completamente il Sars-Cov-2.

Dunque – sottolinea – abbiamo esattamente replicato i dati sugli Uvc però dimostrando questa volta che tutti i raggi solari distruggono il virus. E fra l’altro – aggiunge l’immunologo – il tempo necessario, quando per esempio si è in spiaggia con il sole che viene amplificato dal riverbero sulla sabbia o sull’acqua, è ancora più breve. Quindi in spiaggia – afferma Clerici – bastano veramente 10-20 secondi di Uva e Uvb per uccidere completamente il virus”.

“La nostra idea – spiega il ricercatore – è che questo, insieme alla percentuale sempre più alta di vaccinati, spieghi perché con la bella stagione stiamo superando la problematica”. Ma allora perché in Brasile durante l’estate, così come in India si sono verificati una valanga di contagi? “Innanzi tutto c’è da dire che il sole – sottolinea Clerici – non è il solo elemento che giustifichi tutto quello che osserviamo.

In India hanno contribuito le feste religiose con i bagni nel Gange e poi c’erano i monsoni, quindi c’era tutta la velatura dei raggi solari dovuta alle nuvole. In Brasile sappiamo tutti quello che è successo – aggiunge l’immunologo – purtroppo hanno pagato la gestione Bolsonaro, perché è vero che servono i raggi solari però servono anche le mascherine, i vaccini e tutto il resto”.

Ad ogni modo gli esperimenti hanno confermato l’efficacia del sole contro il Covid-19. “Si vede proprio in una visualizzazione – dice l’immunologo – l’effetto dei raggi solari sul virus: se non lo esponi ai raggi solari il virus infetta le cellule, se lo esponi ai raggi solari lo uccidi”.

Una scoperta che potrebbe avere eccellenti applicazioni nella vita di tutti i giorni per sterilizzare oggetti e ambienti dal virus. “I dati dell’anno scorso erano importanti perché hanno portato allo sviluppo di dispositivi che svolgevano proprio questa funzione ma i raggi Uvc – ricorda lo scienziato – sono pericolosi per la cute umana, quindi non si poteva stare nella stessa stanza dove venivano applicati.

I raggi Uvb invece no, sono i raggi che ci toccano normalmente quando usciamo al sole, per cui questa scoperta ha un’importanza molto più alta”. Insomma se mettessimo delle normali lampade solari negli autobus potremmo risolvere un problema? “Sì. A parte il fatto che ne usciremo tutti più abbronzati e più belli, quello che suggeriscono questi dati è proprio questo”.

Ma vediamo come si è arrivati alla dimostrazione sperimentale di questa scoperta. “Gli astrofisici hanno collegato una macchinetta che produce i diversi raggi solari in maniera distinta, quindi solo gli Uva o gli Uvb o gli Uvc piuttosto che gli ultravioletti – spiega Clerici – poi abbiamo messo la macchinetta sotto una cappa, abbiamo preso le cellule polmonari e abbiamo buttato sopra il virus. E il virus che è stato esposto oppure no alle diverse componenti dei raggi solari.

Dapprima – chiarisce l’immunologo – abbiamo usato una dose massimale di virus, quindi molto molto più alta di quella che si ha in un soggetto con Covid. E poi abbiamo usato la dose presente in un paziente con Covid severo, per vedere se poteva avere anche una potenziale importanza clinica. Ed effettivamente è così: si inattiva nel giro di pochi secondi la quantità di virus che è quella che nei pazienti provoca il Covid severo”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. No, non è possibile!!!!
    I babbeoti museruolati sottomessi e lobotomizzati che vivono isolati con più museruole sovrapposte e visiera paravento non possono accettare tale notizia!
    Per loro è un sacrilegio, il vAirus è imbattibile!!!!

  2. Runner forse vorresti essere inculato tu ma non hai il coraggio di chiedere!!! Chiedi e ti sarà dato….

  3. veramente per essere dati certi necessitano di pubblicazioni, non bastano verifiche smart

  4. Ahuahuahuahu tutti convinti che il vaccino serva a qualcosa.
    Avete dimenticato l’estate scorsa ?
    Ci vediamo ad ottobre/ novembre quando vi faranno fare nuovamente il vaccino per chissà quale misteriosa variante.
    Ed intanto i fobici vaccinano anche giovani ed adolescenti in eta fertile, aspettiamo le nuove malattie, le nuove malformazioni ma soprattutto la nuova generazione impotente e sterile .

  5. Immagina di vederci a ottobre senza vaccini?
    Migliaia di morti al giorno, anche perché le varianti sono più aggressive e letali….praticamente altri mesi di zona rossa?
    Non fate retorica, lo sappiamo tutti che i vaccini hanno potenziali controindicazioni nel lungo periodo, dato che il periodo di sperimentazione è stato breve.
    Ma saccenti professori runnerizzati, qual’è la soluzione?
    Raggi UV?
    L’idrossiclorichina del genocidio Brasiliano?
    Mi ricordo che quel’idiota di Runner esaltava il Bolsonaro negazionista …. oltre 450 mila morti…il ridicolo dovrebbe scomparire se avesse un minimo di dignità…

  6. X 18,36 (forse convinto della tachipirina e vigile attesa(della morte?)
    Ti invito a considerare gli studi del prof Rault sull’impiego immediato della Hqc in abbinamento a Azt, e l’esperienza di decine se non centinaia di sanitari che hanno curato con successo la sindrome covid 19 precocemente, tra cui il prof Cavanna, noto oncoematologo piacentino.
    Lascia perdere il Brasile, sono fatti che probabilmente comprendi a senso unico

  7. Spiegami il senso unico del Brasile 😂😂😂, dove non si attuano misure di limitazione di contagio, dove non si vaccina
    ci sono questi numeri….anche nelle steppe gelide svedesi si vaccina alla grande dato che la mortalità svedese è la più alta della penisola scandinava( 10 volte superiore alla Norvegia, Finlandia).
    Questi sono dati reali ….come i 90.000 morti in più nel 2020 in Italia!
    Dire che più visioni a senso unico, questi sono i dati che non volete elaborare per mantenere l’immunità caprina raggiunta.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.