Discoteche, Regioni: “Governo affronti tema riaperture”. I nodi da sciogliere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sempre più Regioni puntano a entrare in zona bianca e l’Italia si avvia alla graduale riapertura di gran parte degli esercizi e attività commerciali rimasti a lungo chiusi a causa della pandemia da coronavirus. Rimane però ancora senza una data la ripartenza delle discoteche, nonostante il pressing sul governo dei gestori di categoria e dei governatori delle Regioni

Il sindacato delle sale da ballo lancia la sfida all’esecutivo. “Se entro il prossimo 21 giugno, data dell’eliminazione definitiva del coprifuoco, il governo non si esprime anche per la riapertura delle discoteche, decideremo di riaprire indistintamente dal primo luglio”, ha detto Maurizio Pasca, presidente della Silb 

“Sono disponibile a far vedere a ministri e tecnici decine di video dove già si balla nei bar o negli stabilimenti balneari, mentre invece il 30% delle nostre attività ha già chiuso definitivamente: le nostre aziende stanno morendo“, ha detto Pasca

Come già avvenuto in altri Paesi europei – ad esempio in Inghilterra, Spagne e Olanda – il prossimo 12 giugno anche in Italia si terranno i primi esperimenti per verificare l’impatto di una serata in discoteca sull’andamento dei contagi tra i partecipanti

La sperimentazione coinvolgerà due diversi locali: il Praja di Gallipoli e il Fabrique di Milano. Entrambi ospiteranno 2mila persone, il primo all’aperto e il secondo al chiuso. Sarà obbligatorio sottoporsi a tampone nelle 36 ore precedenti l’ingresso nel locale e i biglietti si potranno acquistare soltanto online

Una settimana dopo l’evento tutti i presenti alla serata dovranno effettuare un nuovo tampone per verificare la negatività al Covid-19. Non è previsto, per entrambe le discoteche, il distanziamento sociale. La mascherina dovrà essere indossata solo al Fabrique visto che si tratta di un locale al chiuso, mentre al Praja la mascherina non sarà obbligatoria, se non per andare al bagno e in fila per entrare

“Vogliamo fare questo test per dimostrare che i locali possono essere Covid-free”, ha spiegato Pasca. Il presidente Silb ha poi aggiunto: “Non siamo gli untori della pandemia. Se non dovessimo aprire questa estate migliaia di giovani che frequentano i luoghi del divertimento dove andranno a cercarlo se non in luoghi improvvisati e non controllati?”

Iniziano intanto ad aprirsi i primi spiragli anche tra le file del governo: per il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, il mese di luglio potrebbe essere una data realistica per la ripartenza del settore. “Devono aprirle per poter ballare, non può esserci il limite del distanziamento. Bisogna trovare un metodo che consideri capienza e trattamento”, ha dichiarato Costa

Una delle ipotesi per dare respiro al settore, secondo Costa, potrebbe essere quella del green pass. Permettere quindi di entrare in discoteca solo a chi certifichi di essere già stato vaccinato contro il coronavirus, oppure di essere guarito o di essere risultato negativo a un tampone molecolare o rapido

Un incontro per discutere del tema, secondo Costa, potrebbe essere messo in calendario “la prossima settimana, anche in condivisione con le Regioni”. Sono anche i governatori dei territori a chiedere al governo di affrontare il dossier discoteche, ricordando di aver fissato già da giorni un protocollo “in cui si chiede la ripartenza in sicurezza del settore, l’unico ancora penalizzato dalle chiusure”

Anche il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti, negli scorsi giorni, è intervenuto sulla questione. “I giovani vogliono andare al mare, divertirsi, amarsi e baciarsi. Abbiamo annunciato un tavolo per riaprire le discoteche”, ha detto

Il presidente della regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha dichiarato di aver destinato “tre milioni regionali alle discoteche e ai locali da ballo, perché non hanno praticamente mai riaperto da inizio pandemia, tranne un breve periodo lo scorso anno”

Nessuna novità invece sul fronte vaccinazioni in discoteca. L’ultima settimana di maggio, il commissario straordinario all’emergenza Covid-19 Francesco Paolo Figliuolo aveva chiesto al Comitato Tecnico Scientifico alle Regioni di considerare l’eventualità di somministrare i farmaci anti-coronavirus ai ragazzi proprio in discoteca. La stessa Silb si era proposta per organizzare open day di vaccinazione nelle sale da ballo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.