Carabinieri sequestrano nel salernitano 821 tonnellate di pomodoro nocivo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
I Carabinieri del Reparto Tutela Agroalimentare (RAC) di Salerno, della Sezione Operativa Centrale del Comando per la Tutela Agroalimentare, hanno condotto l’operazione “Scarlatto due”, nell’ambito di un’articolata indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore.

I militari hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di un ingente quantitativo di concentrato di pomodoro di provenienza egiziana presso un’azienda dell’Agro Nocerino Sarnese, leader nel settore conserviero.

In particolare, il provvedimento ha interessato una partita di semilavorato di pomodoro di ben 821 tonnellate, del valore di circa un milione di euro.

Il materiale alimentare sequestrato sarebbe largamente interessato dalla contaminazione di pesticidi, presenti in misura maggiore a quanto normativamente consentito.

La merce era stoccata in migliaia di fusti metallici contenenti ognuno mediamente 250 kg di prodotto, in attesa di essere lavorata e confezionata, solitamente in barattoli e tubetti di diversi formati, per essere successivamente collocata sul mercato- prevalentemente estero- sempre come doppio o triplo concentrato di pomodoro.

L’ingente materiale sequestrato è ciò che residua di una partita di semilavorato ben più cospicua; infatti è stato accertato che già alcune centinaia di tonnellate sono state commercializzate in Paesi UE ed extra UE. Campioni del materiale in sequestro sono stati inviati per le analisi presso laboratori specializzati.

I titolari dell’azienda, i fratelli A.P. A.D., sono stati denunciati sia per frode in commercio che per commercio di sostanze nocive. L’operazione “Scarlatto due” segue di poche settimane un’altra significativa attività investigativa, sempre nel settore conserviero, che ha visto il sequestro di migliaia di tonnellate di concentrato di pomodoro di provenienza estera, fraudolentemente inserito nel ciclo produttivo per realizzare conserve alimentari illecitamente commercializzate come “pomodoro 100% toscano”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. bastava verificare al porto commerciale QUANTI container sbarcano con centinaia di tonnellate di fusti di concentrato Cinese, Egiziano ecc… e le aziende destinatarie sono quasi sempre le stesse….

  2. Non capisco perchè non si faccia il nome della Società!!! Cosa viola la privacy? Ed il danno che ha causato esportando all’estero la merce? E la salute dei cittadini???

  3. concentrato di pomodoro di provenienza egiziana presso un’azienda dell’Agro Nocerino Sarnese, leader nel settore conserviero.Sarebbe? Cosi non si tutela il consumatore se siete omissivi

  4. Seguendo la traccia “100% toscano” non è difficile risalire al nome della ditta…..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.