Sindacato Confcommercio al fianco del balneari nella sentenza Tar Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Si è svolta, ieri, l’udienza davanti al Tar di Salerno per la trattazione del contenzioso attivato dell’Antitrust contro il Comune di Castellabate, sull’applicazione della legge 145/2018, in riferimento alle proroghe automatiche delle concessioni demaniali marittime.

A seguito della decisione del Presidente del Consiglio di Stato di rimettere la questione in oggetto all’adunanza plenaria, fissata nei termini del 23 ottobre, il Tar di Salerno ha ritenuto opportuno rinviare la trattazione della causa all’esito della decisione del Consiglio di Stato stesso. Per la più ampia ed efficace tutela dei balneari interessati, il Sindacato Italiano Balneari Confcommercio è intervenuto nel processo a sostegno delle ragioni del Comune di Castellabate, oltre che per appoggiare il rigetto del ricorso dell’Antitrust.

Ad affermare la rilevanza della questione, all’udienza ha preso parte, personalmente, Antonio Capacchione, Presidente nazionale del SIB Confcommercio, anche in qualità di responsabile legale: “Aspettiamo fiduciosi l’esito nella convinzione che continueremo a difendere le buone ragioni dei balneari, categoria quanto mai importante per la ripartenza economica e sociale del Paese e, altresì, per il successo del nostro turismo”.

Dalla sezione territoriale, gli fa eco Alfonso Amoroso, Presidente provinciale Salerno SIB Confcommercio: “Ancora una volta il sindacato si ritrova al fianco dei concessionari, per tutelare il diritto al lavoro di imprenditori turistici che, su uno spicchio di spiaggia, hanno avuto la capacità di creare piccole e medie aziende balneari in grado di dare lavoro, da diverse generazioni, ad intere famiglie, creando un indotto di grande rilevanza economica. Questo aspetto non va trascurato”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Palle ,palle , le spiagge devono essere libere . Per concessioni pagate 4 soldi dai concessionari viene negato ai cittadini il diritto costituzionale di usufruire di un bene demaniale e quindi pubblico. È una fetenzia esclusivamente italiana , garantita ad una lobby ben rappresentata in questo parlamento di mezze figure .

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.