Variante Delta in GB: Johnson rinvia riaperture di un mese

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Il premier britannico Boris Johnson ha deciso di rinviare le riaperture — previste per il 21 giugno — a causa della diffusione della variante Delta (la ex variante «indiana»). Il Freedom Day — il giorno che nel Regno Unito doveva segnare la fine delle restrizioni dopo la lunga pandemia — slitta. Il 21 giugno il paese non tornerà alla normalità. Per la riapertura bisognerà attendere circa un mese, sino al 19 luglio. Lo ha annunciato oggi Boris Johnson confermando indiscrezioni che circolavano da giorni sui mezzi d’informazione. Durante la conferenza stampa Johnson ha commesso una piccola gaffe sbagliando la seconda volta la data (29 luglio invece che 19). «Dobbiamo aspettare ancora un po’», ha precisato Johnson a Downing Street, indicando che nel giro di quattro settimane due terzi della popolazione adulta avrà ricevuto due dosi del vaccino e si potrà procedere senza il timore di dover reintrodurre restrizioni e lockdown parziali.
Johnson ha aggiunto con una nota di cauzione che «non possiamo eliminare il Covid del tutto, dobbiamo imparare e convivere con il virus». La colpa è della variante Delta, identificata per la prima volta in India. «Si sta diffondendo più velocemente delle previsioni», ha sottolineato. I dati non gli hanno lasciato scelta, ha precisato. Nella giornata di lunedì nel Regno Unito sono stati registrati 7,742 nuovi casi di Covid e tre decessi. La media degli ultimi sette giorni indica un incremento del 46% rispetto alla settimana precedente. Se la tendenza continuerà, ora del 21 giugno con le misure restrittive attualmente in vigore la media di casi di positività prevista è di 15.000 al giorno. Sono in aumento anche i ricoveri, del 50% ogni settimana nella zona centrale e meridionale del paese e del 61% nel nord.

 

In senso pratico, l’annuncio di oggi vuol dire che i cittadini dovranno continuare a limitare a sei persone, o due nuclei familiari, gli assembramenti al chiuso, che pub, ristoranti, bar, teatri, musei, cinema e sale da concerto saranno costretti a operare a capienza ridotta per rispettare le distanze di sicurezza e che i night rimarranno chiusi. Per la produttrice Sonia Friedland, che nel West End e negli USA ha portato spettacoli di enorme successo, come Harry Potter e la maledizione dell’erede, il ritardo significherà che molti artisti e piccoli teatri non riusciranno a sopravvivere. «Siamo a un punto di crisi profonda», ha sottolineato. Nel settore ospitalità lo slittamento della riapertura metterebbe a rischio altri 300.000 posti di lavoro. Luce verde invece per i matrimoni, che dal 21 giugno si potranno svolgere con più di 30 ospiti a patto che venga rispettato il distanziamento.

Lo speaker dei Comuni, Sir Lindsay Hoyle, ha pesantemente criticato il premier per il modo in cui ha annunciato la decisione di ritardare la riapertura. «È totalmente inaccettabile che Downing Street non rispetti il lavoro del parlamento». Johnson, infatti, aveva inizialmente deciso di parlare al paese attraverso una conferenza stampa oggi, lunedì, e di presentarsi ai deputati per illustrare la nuova tabella di marcia solo domani. «Non è la prima volta che si comporta in questo modo», ha aggiunto Sir Lindsay, con toni decisamente alterati, preannunciando che se la situazione continuerà chiederà un incontro ufficiale con il premier. Hoyle ha insistito ad ottenuto che Downing Street mandasse Johnson o un ministro in parlamento stasera stessa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. All’egregio signore delle 20:05, ci preme informarLa che l’esperimento sociale è terminato per l’esattezza il giorno 23 aprile del 2020 alle ore 09 del mattino. I risultati ci confermano l’ipotesi iniziale, ovvero che il ciuccio che raglia più forte è quello che prima chinerà il capo.

    Il perdurare dell’attuale situazione sociosanitaria è dovuto al fatto che i vaccini da noi sviluppati (a spese vostre, ci preme ripeterlo) risultano assai deludenti, in quanto le vittime designate dovevano essere solo vecchie zitelle racchie e pensionati delle poste, ci aspettavamo nei più giovani solo una graduale omosessualizzazione e una contenuta perdita di peso.

    Inoltre il segnale 6G fornito dal vaccino per manipolare le vostre menti è certamente potente ma ci consuma subito tutti i giga. Seguiranno dunque necessari richiami (con ricarica Amazon omaggio inclusa) e sono già allo studio le innovative supposte per il Wi-Fi, che contiamo di rendere obbligatorie per il prossimo Halloween.

    Cordialità.

  2. complimenti per le verità che hai scritto, magari per insultare, peccato che siano tutte cose vere a parte qualche caricatura di troppo. I morti tra i giovanissimi dopo il vaccino sono un fatto, che ti piaccia o no, come pure i circa duemila satelliti per il segnale internet globale messi in orbita nell’ultimo anno, Starlink e OneWeb sono solo due delle costellazioni messe in orbita.
    Quindi è tutto documentato e vero, poi se vuoi fare ironia sei libero, ma non ti salverà dal tuo triste destino.
    Fino a prova contraria i ciucci sono tutti quelli che si sono vaccinati senza leggere quello che firmavano! e fino a prova contraria io e tanti altri che la pensano come me non abbiamo alcun capo chinato, se poi qualche nazista verrà con la violenza a fucilarci allola il discorso cambia, ma saremo morti da eroi, vittime di una strage annunciata. Ma morti con la testa alta.
    Tu puoi vaccinarti quando come e quanto ti pare, nessuno di noi te lo impedirà.

    Il Nuovo Ordine Mondiale è una realtà, ormai ne parlano tutti pure il Papa e il PD da mesi… peccato che fino a un anno fa, quando ne parlavamo noi, secondo voi eravamo complottisti.. Ma era solo stupidità di chi non lo capiva: i fatti ce lo dimostrano, oggi.

    Un saluto a Sasy, che non conosco ma che apprezzo da tempo, assieme a qualche altro qui sopra che dimostra di ragionare.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.